• Mar. Ago 16th, 2022

Fausta Vetere e Carlo Faiello ospiti del Carnevale Atellano di Sant’Arpino

” Le musiche del Carnevale: canti, danze, riti nella tradizione popolare in Campania“. E’ il tema del nuovo webinar del Carnevale Atellano di Sant’Arpino, che si terrà venerdì prossimo, 25 febbraio, a partire dalle 18:30,  in diretta streaming sulle pagine Facebook di “Carnevale Atellano Sant’Arpino” e “Comune di Sant’Arpino“.

L’incontro, coordinato dal critico musicale Lorenzo Fiorito, dopo i saluti istituzionali dell’assessore alla Cultura Giovanni Maisto, e del presidente del Comitato permanente per il Carnevale AtellanoVirginio Guida, sarà introdotto da Elpidio Iorio, direttore di PulciNellaMente. Previsto inoltre l’intervento di Stefano Valanzuolo, critico musicale de “Il Mattino”, autore Rai Radio 3. La serata avrà come speciali ospiti gli artisti Carlo Faiello e Fausta Vetere.

Faiello è studioso di musica popolare, cantautore e compositore; già membro della Nuova Compagnia di Canto Popolare, musicista dell’orchestra di De Simone, autore per R. Murolo, L. Sastri, P. Barra, Isa Danieli. Da 20 anni è direttore artistico de La Notte della Tammorra e del Centro di Musica e Cultura Domus Ars di Napoli. Da poco ha debuttato con un musical sulla maschera di Pulcinella.

Fausta Vetere è da cinquant’anni l’icona della Nuova Compagnia di Canto Popolare, la vera voce della tradizione musicale popolare.

Nell’incontro si parlerà delle tradizioni musicali campane legate al Carnevale, una festa che affonda le sue radici negli antichi Saturnali, nei quali si invertivano i ruoli sociali e i poveri diventavano re per un giorno. Il ribaltamento dei ruoli, con le donne che si mascheravano da uomini e viceversa, la licenziosità, le esagerazioni nel mangiare e nel bere. I balli carnevaleschi non erano tollerati dalle gerarchie ecclesiastiche; in epoca spagnola venivano emanati editti contro i balli licenziosi.

Il ballo popolare per eccellenza era la tarantella, praticata in tutto il Regno delle Due Sicilie.  In Campania aveva un ruolo preminente la tammurriata, in cui venivano suonati oltre che la tammorra, anche putipù, caccavelle, tricheballacche e scetavajasse.

Tra i carnevali della Campania, il più famoso è sicuramente quello di Montemarano, in cui centrale è proprio la tarantella di Montemarano. Ma ci sono anche le quadriglie di Palma Campania, il ballo o’ntreccio di Forino, il laccio d’amore di Quindici e Baiano, la mascarata di Serino, per non dimenticare la celebre Canzone di Zeza, portata alla notorietà internazionale proprio dalla Nuova Compagnia.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa