• Mar. Ott 19th, 2021

“Atto mirato”: così è stato definito da Ian Dungawell, amministratore dei “Friends of Highate Cemetry”, riguardo all’atto barbaro che ha visto bersaglio la tomba di famiglia del più grande filosofo, economista e pensatore di tutti i tempi, Karl Marx. Nel cimitero di Highgate, appunto, dei vandali hanno infierito sul monumento raffigurante il volto del grande Marx. Sarebbe stato usato una lama, a quanto pare dai primi rilievi. “La parte più antica e più fragile del monumento è stata ripetutamente colpita con uno strumento metallico smussato”: queste le parole di Dungawell.  La parte più compromessa è quella dove è inciso il nome di Karl Marx, da qui la certezza di una azione mirata e probabilmente effettuata da esponenti del neonazismo inglese. Marx era approdato in Inghilterra nel 1849, a Londra, dove restò fino alla morte avvenuta nel 1883, a 64 anni, precisamente il 14 marzo. Il monumento in questione è stato realizzato con lastre di granito ed è alto quasi 4 metri, sormontato da un busto di bronzo raffigurante il filosofo. Venne finanziato e realizzato nel 1956, dal Partito Comunista della Gran Bretagna. La placca di marmo inserita nel monumento proveniva dalla tomba originale di Karl Marx. Già negli anni settanta il monumento era stato imbrattato con vernice da vandali, sempre per motivi presumibilmente di odio politico.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru