• Mar. Ott 19th, 2021

Omicidio al Rione Sanità, ucciso il boss Pietro Esposito. Nell’agguato ferito 29enne

DiThomas Scalera

Nov 15, 2015

2

Rione Sanità, torna la paura: ucciso il boss Pietro Esposito con colpi al torace e alla testa. Si tratta del capo del clan Esposito-Sequino in guerra col cartello Brunetti-Sibillo-Giuliano di Forcella. Ferito un cameriere che si trovava lì al momento dell’agguato.

Riprende la sanguinosa faida di camorra del centro storico: poco dopo le 16 un uomo, Pietro Esposito, è stato crivellato di colpi al torace e alla testa al rione Sanità. Si tratta di un personaggio di spicco ritenuto il boss dell’omonimo clan che insieme ai Sequino si oppone al cartello Brunetti-Sibillo-Giuliano di Forcella, conosciuti come la ‘paranza’ dei bambini. Agli inizi dell’anno venne ucciso il figlio Ciro Esposito, 22 anni. Il capoclan viaggiava in sella a uno scooter T-Max quando i sicari, anche loro in scooter, sono entrati in azione sparando: raggiunto e ferito dai proiettili alla schiena, Esposito ha perso l’equilibrio ed e’ caduto a terra. I killer lo hanno poi raggiunto e finito con un colpo alla testa.

Giovanni Catena ferito gravemente

L’agguato ha causato anche il ferimento grave di un giovane di 29 anni, Giovanni Catena, cameriere del pub ‘il Pocho’, di piazza Sanità- Catena era sulla traiettoria dei proiettili indirizzati al pregiudicato ucciso. Il ragazzo, incensurato, è all’ospedale Vecchio Pellegrini con una ferita all’addome e si trova in sala operatoria dell’ospedale Vecchio Pellegrini.

Fonte: fanpage.it

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru