• Lun. Ott 3rd, 2022

Sequestri e sanzioni in diverse regioni

I Carabinieri per la Tutela Agroalimentare, nelle scorse settimane, hanno continuato ad effettuare ispezioni presso aziende del settore agroalimentare.

Nel corso delle attività di controllo, che hanno interessato le regioni Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Campania e Calabria, sono state riscontrate violazioni alle normative sull’etichettatura e presentazione dei prodotti, sulla rintracciabilità degli alimenti,  sulla tutela dei marchi DOP e sul Testo Unico del vino.

I risultati:

sequestrati oltre 6 tonnellate di alimenti  e 200 ettolitri di vino;

elevate sanzioni amministrative per complessivi 39 mila euro e irrogate 2 diffide.

In particolare:

  • in provincia di Torino, è stato sanzionato il titolare di un’attività commerciale, per aver utilizzato impropriamente il riferimento al marchio tutelato “Gorgonzola DOP”;
  • nelle province di Verona,  Modena, Forlì-Cesena e Ravenna,  presso cinque aziende di trasformazione, sono stati sequestrati 5.965 kg di carne suina lavorata, del valore di mercato complessivo di 50 mila euro, per mancata indicazione del luogo di provenienza nell’etichettatura delle carni suine. I titolari sono stati sanzionati;
  • in provincia di Verona, il titolare di un’azienda è stato sanzionato, per mancato rispetto del disciplinare di produzione della DOP “Pistacchio Verde di Bronte”;
  •  in provincia di Salerno, sono stati sequestrati 200 ettolitri di vino rosso, la cui provenienza non era giustificata da alcuna documentazione. Il titolare è stato sanzionato;
  • in provincia di Reggio Calabria, i titolari di due caseifici sono stati diffidati a sanare violazioni, rispettivamente, in materia di obbligo di indicazione in etichetta dell’origine del latte utilizzato nella produzione di prodotti lattiero – caseari e di evocazione, su prodotti pubblicizzati su sito internet aziendale, del marchio tutelato “Bergamotto  di Reggio Calabria – olio essenziale DOP”.

Inoltre, in provincia di Napoli, sono state denunciate 3 persone per maltrattamento di animali e frode in competizioni sportive, poiché veniva somministrata al cavallo sostanza dopante.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Redazione V-news.it

Il bot redazionale