Lun. Mag 25th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Orta di Atella. Cantiere dei rifiuti, lavoratori ancora senza stipendi. La Flaica CUB: “Assurdo!”

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

ORTA DI ATELLA. Assurdo!
Gli operatori ecologici di Orta di Atella sono ancora in attesa di ricevere lo stipendio di novembre e la tredicesima.
Nell’arco dell’anno è il ritardo delle retribuzioni è comprensibile, ma in questi periodi è davvero difficile tollerare.
Dopo il triste Natale gli operatori si apprestano a trascorrere anche il capodanno senza la giusta serenità.
L’azienda ha avuto la brillante idea di mettere tutti in ferie forzate, interrompendo un pubblico servizio.
Il Comune sembra essere assente, insofferente a questo stato di cose, come sempre accade a farne le spese però sono solo i dipendenti e le loro famiglie.
È giunto il momento di insorgere per ribaltare questa annosa situazione, che il Comune intervenga prima possibile, siamo pronti a trascorrere il capodanno con tutte le famiglie nella parrocchia San Massimo Vescovo a pochi passi dal Comune.

Flaica CUB Caserta

Leggi anche:

Orta di Atella. In possesso di droga: arrestato giovane

Orta di Atella. Sorpresi a rubare una Fiat 500: arrestati tre pregiudicati

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Open

Close