Agro AversanoAntica Terra di LavoroCoronavirusCronacaNews

Orta di Atella. La Cassandra crossing cittadina, Vite sospese ed abbandonate. Disagi e proteste dei cittadini e disabili per i new jersey

Rabbia e dissenso per la situazione critica in città

Abbandonati dalle istituzioni, i cittadini, ma soprattutto i ragazzi disabili  temono la fine

ORTA DI ATELLA. lL lockdown in Campania è saltato. Il fine settimana scorso,  durante la riunione Stato-Regioni con ministri e governatori, il presidente della Regione Vincenzo De Luca ha compreso suo malgrado che, pur se la legge glielo consente, non erano validi  i presupposti tecnici per avviare la chiusura totale e indiscriminata 24 ore su 24  di attività e dei collegamenti interni e interregionali della Campania. «Senza misure di ristoro non possiamo decidere il lockdown» aveva  detto il presidente De Luca.

Oggi i motivi sono cambiati da domenica mattina,  in verità sono diventati  più articolati e non solo tecnici, ma anche purtroppo  politici. Il penultimo  Dpcm firmato da Giuseppe Conte consente alle Regioni la  possibilità di provvedimenti draconiani (chiusure e blocchi) però sempre dopo aver  «sentito il governo». Una situazione che nonostante tutto oggi  non ha fine, adesso la vita è ancora più obbligata per la città di Orta di Atella.

Tantissima la paura di vivere questa restrizione che fa più paura del lockdown generalizzato, mette inquietudine, ti fa sentire solo, fuori dal mondo, perché sai che a pochi metri da te la vita continua in maniera diversa da quella a cui ti hanno costretto, contro la tua volontà. Si chiamano new jersey, sono in plastica e vengono di solito utilizzati per costruire barriere stradali e regolare il traffico durante i cantieri quelli che sono comparsi domenica mattina in città .  A Orta di Atella non c’è nessun lavoro in corso e non potrebbe neanche esserci. Da troppo tempo questa città  vive in un dramma politico, ma soprattutto un dramma sociale e sanitario,  il problema più grave è la mancata integrazione dei ragazzi disabili ed autistici  nel mondo sociale della città,  Michele Pisano instancabile presidente della realtà associativa ‘Bambini simpatici e speciali’ ha invitato attraverso le agenzie di stampa locali il presidente De Luca a rivedere sin da subito l’ordinanza di chiusura per chi soffre. Angelo Di Fabio vicepresidente del gruppo associativo subito dopo Michele,  ha espresso invece nei giorni scorsi le preoccupazioni dei ragazzi su questa chiusura cittadina, Orta non può morire  abbandonata a se stessa: crescita urbanistica e demografica, sociale, culturale e ricreativa  senza controllo e servizi sociali  pari a zero, i ragazzi della nostra realtà associativa non possono essere abbandonati,  non c’è nulla in questo paese, c’è solamente rabbia e vergogna.  Insomma Orta sta vivendo una situazione drammatica.  Non c’è neppure un sindaco, dopo lo scioglimento anticipato per le infiltrazioni criminali. Eppure, da domenica mattina, in ogni angolo del perimetro cittadino sono comparsi i new jersey, questi strani oggetti rossi e bianchi, posizionati in diverse arterie minori per chiudere fisicamente gli abitanti del luogo nel loro recinto. Ciò è conseguenza del provvedimento della Regione Campania di istituire la zona rossa, una restrizione estrema poiché negli ultimi tempi in questa terra il Covid-19 ha deciso di attecchire in maniera prepotente: si è registrato, infatti, l’800 per cento in più di contagiati in pochi giorni. Le polemiche sui social sono tantissime, Michele Pisano il presidente del gruppo sociale atellano invita attraverso un suo grido disperato lo svolgimento delle attività essenziali per i bambini attraverso le norme di sicurezza. Magari afferma Michele si potrebbero aprire le porte della nostra realtà per svolgere le attvitià di danzaterapia e musicoterapia. Già nel corso del lockdown nazionale, i bambini hanno dovuto affrontare un periodo difficile, un calvario che sembrava superato con l’apertura del centro e l’avvio del trasporto dei disabili. ‘Abbiamo inventato di tutto per i nostri ragazzi, lezioni online, sedute di musicoterapia e danzaterapia, videochiamate, ma ora tutto questo ritorna prepotentemente tra noi. Adesso basta tuona Pisano,  tutto questo tragico momento deve finire,  i nostri ragazzi insieme ai cittadini di Orta non possono afferma invece  Di Fabio essere chiusi dentro un recinto, i nostri giovani,  ma soprattutto il nostro popolo atellano, non può trasformarsi in  animale sacrificato in mano ad una classe politica incompetente che adotta provvedimenti snaturati verso la nostra comunità  che vive ampiamente uno stato di terrore.’ 

La salute va tutelata,  noi continueremo ad osservare la situazione ad Orta affiancando Michele e la sua realtà in questa nuova battaglia per l’integrazione assoluta dei disabili ed autistici  nell’Agro-aversano. I ragazzi hanno bisogno delle uscite all’aria aperta, sono necessarie servono ad evitare peggioramenti. In conclusione ci rivolgiamo quindi  alla classe istituzionale che oggi è assente in città, ma soprattutto ci rivolgiamo ai parlamentari eletti ad Orta, perché ahinoi,  la città non è con questa situazione  rappresentata in maniera dignitosa a Montecitorio,  che  il distacco quotidiano dalla realtà che si  evidenzia nel racconto oggi sulla nostra pagina,  è un’autodifesa, che serve per annullare  scossoni psicologici e, probabilmente, anche questa volta, inconsciamente, era accaduto ciò. I ragazzi speciali di Orta, ma soprattutto la cittadinanza non può essere abbandonata, la zona rossa fa più paura del lockdown generalizzato, mette inquietudine, ti fa sentire solo, fuori dal mondo, perché sai che a pochi metri da te la vita continua in maniera diversa da quella a cui ti hanno costretto, contro la tua volontà.

Bastava sedersi, ma soprattutto ragionare per creare servizi essenziali per le categorie che soffrono in città, bisognava riflettere attivamente  mettendo soluzioni strategiche sul tavolo  prima di chiudere Orta di Atella, anche se la chiusura oggi era l’unica soluzione vista la percentuale dei contagiati che è cresciuta in maniera esponenziale, ma mi resta però il dubbio sulle troppe mancanze nel sistema di gestione politica e istituzionale della pandemia in città, sulle evidenti contraddizioni, che fanno pensare, contemporaneamente  mal digerire questa forzata restrizione della libertà dei cittadini, ragazze e ragazzi atellani, ma soprattutto mi resta il dubbio sulla politica cittadina che oggi riesce grazie al ‘capitale’ in maniera sbrigativa  a regalarsi  sempre un tampone a domicilio.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.