• Mer. Ott 20th, 2021

Palazzo dei Congressi, l’immobile della Provincia è in vendita ma non si trovano acquirenti

Simbolo dello sviluppo del comune vulcanico, l’edificio è in abbandono ormai da tempo

ROCCAMONFINA. Nessuno vuole il Palazzo dei Congressi, non si trovano acquirenti. Nei giorni scorsi l’Ente Provincia di Caserta ha dovuto prendere atto che nessuna offerta è pervenuta circa l’acquisto dell’immobile di sua proprietà sito nel comune di Roccamonfina. Infatti l’asta pubblica che era stata indetta dall’Ente di Corso Trieste è andata deserta.

Lo scorso 13 settembre era prevista la scadenza per la presentazione di eventuali offerte d’acquisto ma di fatto non è pervenuta nessuna domanda e la Provincia ha sospeso la procedura in attesa di indire una nuova asta pubblica. La procedura ad evidenza pubblica per l’assegnazione a terzi, mediante concessione di valorizzazione ed utilizzazione a fini economici dell’immobile sito nel comune vulcanico dovrà dunque essere ripetuta,

così come si evince dall’avviso del Dipartimento dell’Area Tecnica – Settore Edilizia a firma del Responsabile ad interim del Servizio Avv. Franco Laudante e del Dirigente l’Ing. Paolo Madonna. Simbolo dell’epopea dello sviluppo del comune vulcanico durante gli anni d’oro dell’amministrazione Giuseppe Buco (sindaco di Roccamonfina nonchè Presidente della Provincia di Caserta in quel periodo), il Palazzo dei Congressi doveva rappresentare un volano di sviluppo importante per tutta l’area e l’Alto casertano.

Invece negli anni l’immobile è stato man mano abbandonato e relegato ad un’oblio scandaloso fatto di incuria e degrado. Vari i tentativi di rilancio del sito (come l’allestimento presso l’immobile del Museo MAGMA, museo d’arte contemporanea) da parte delle varie amministrazioni comunali succedutesi a Roccamonfina ma di fatto nessuna azione concreta è stata adottata per rilanciarlo e farne una pietra miliare dello sviluppo locale.

Dopo varie concessioni in comodato d’uso al Comune di Roccamonfina, l’Ente Provincia di Caserta ha deciso di mettere in vendita l’immobile per il quale negli anni sono stati spesi milioni di euro in interventi di manutenzione. L’Ente di Corso Trieste però non riesce a liberarsi dell’immobile per il quale al momento non sembrano esserci acquirenti pronti ad investire su una struttura che potenzialmente potrebbe ancora rappresentare una valida opportunità.

Il rilancio del sito presuppone però anche un forte rilancio economico dell’intero territorio vulcanico che invece già prima della pandemia da Covid-19 si presentava e si presenta in una grave condizione di depressione economica con l’assenza di lavoro (grave l’emergenza della filiera castanicola – vera ed unica risorsa del territorio – praticamente ferma a causa dei mancati raccolti causati da cambiamenti climatici ed infestazione del Cinipide galligeno) e conseguente emigrazione (soprattutto dei giovani) ormai a livelli gravissimi.

Un contesto dunque che al momento scoraggia qualsiasi tipo di investimento sulla struttura. La Provincia di Caserta nonostante tutto auspica di poter vendere l’edificio e la comunità roccana spera in un suo rilancio affinché possa portare concreto sviluppo ed occupazione in loco.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Vincenzo Mario

Giornalista Pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Campania. Vicedirettore e Redattore di V-news.it. In oltre 15 anni di professione vanta numerose collaborazioni con i principali quotidiani cartacei e online di Terra di Lavoro ed esperienze in emittenti televisive e radiofoniche. Tra le principali esperienze e collaborazioni spiccano: giornalista e fotoreporter per “Il Giornale di Caserta” e inviato per “TRM – TeleradioMatese” - Gruppo “Lunaset”, corrispondente e Redattore per la "Nuova Gazzetta di Caserta", giornalista per il mensile “Fresco di Stampa”, giornalista radiofonico e speaker, curatore del Notiziario campano per RCS – Radio Circuito Solare,

Rispondi