CronacaFestival di SanremoMusicaNewsPagina Nazionale

Paolo Palumbo, il rapper malato di Sla a Sanremo: “Per volare mi bastano gli occhi”

La storia di Paolo Palumbo, malato di Sla, che ieri sera ha commosso il teatro Ariston

Nella seconda serata del Festival di Sanremo, Amadeus ha introdotto sul palco del teatro Ariston il brano presentato alle selezioni di Sanremo Giovani “Io sono Paolo”, cantato da Christian Pintus e scritto da Paolo Palumbo, rapper affetto da Sla.

Chi è Paolo Palumbo

Paolo Palumbo ha 22 anni ed il più giovane malato di Sla d’Europa. La malattia l’ha colpito quando aveva solo 17 anni e stava per entrare alla scuola di alta cucina di Gualtiero Marchesi. Su una speciale sedia a rotelle, e grazie a un sintetizzatore vocale, Paolo si è preso il palco di Sanremo, dove ha cantato Io sono Paolo«Se esiste una speranza ci voglio provare. Per volare mi bastano gli occhi, sono la montagna che va a Maometto, pur restando disteso sul letto… ».

A questo link il video: https://www.youtube.com/watch?v=5h-Yl3guoe0

Una storia che ha commosso quella di questo ragazzo, che non si è arreso alle difficoltà della malattia. Un grande esempio di vita.

Grazie, Paolo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Redazione V-news.it
Il bot redazionale

    Comments are closed.