Lun. Set 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Parcheggia la Ferrari in un posto per disabili, non ammette di aver sbagliato: assurda la conseguenza

3 min read
Dalla "ragione" alla querela il consigliere regionale Borrelli

Come riportato dall’Ansa il nostro “imprenditore innervosito” se la prende con chi invece lo ha giustamente messo in evidenza per il suo comportamento poco consono, per non dire spavaldo e contro legge.

“Viene ripreso mentre è al volante della sua Ferrari in un posto auto riservato ai disabili: il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli (nella foto) pubblica le immagini sui social, tacciandolo di inciviltà, e lui reagisce con un video in cui insulta Borrelli e annuncia di volerlo portare in tribunale. La vicenda è diventata virale sul web, alimentando una lunga serie di commenti in gran parte solidali con l’iniziativa del consigliere, noto alle cronache per le sue frequenti denunce di episodi di malcostume.

Il proprietario della Ferrari è l’imprenditore Pino Bozza, titolare di una catena di ristoranti. Borrelli, nel primo post di denuncia, mostra la sua auto rossa fiammante (priva della targa anteriore) ma non ne fa il nome. Nel video però si scorge il volto del conducente, evidentemente identificabile, e così l’interessato reagisce su Instagram, pubblicando due video in cui rivolge a Borrelli minacce di azioni legali e improperi poco riferibili”.

“Volevo dedicare questa storia al consigliere regionale Borrelli, chi c… è, che crede di essere Masaniello”, dice Bozza in uno dei due video. “Ieri ho pubblicato una storia in cui mi fermo un attimo con la Ferrari in un posto disabili, e lui ha pubblicato il video infangando il mio nome”. “Presto ci vediamo in Tribunale”, dice ancora l’uomo, fra una serie di improperi contro il consigliere regionale e un attacco finale a sfondo sessuale.

“In soli due video è riuscito a sintetizzare perfettamente l’inciviltà che combattiamo. Alla guida senza cintura, mentre fuma una sigaretta che lancia poi dal finestrino, si riprende con lo smartphone distogliendo lo sguardo dalla strada. Sommando il turpiloquio, le minacce e le offese, che sono proseguiti anche attraverso dei messaggi ai miei profili social, direi che questo individuo non avrebbe potuto fare di peggio. Ci riserviamo di tutelarci in tutte le sedi”, commenta ora Borrelli.

“Questo tipo di mentalità lascia basiti. Tale individuo, tra l’altro, si presenta come un imprenditore con circa duecento dipendenti regolarmente contrattualizzati, quasi come se volesse presentare tale dato come un lasciapassare per fare quello che gli pare. Gli facciamo notare che il rispetto delle regole è uno dei principi cardine in uno stato di diritto e non una magnanima concessione. Stigmatizziamo inoltre le frasi gravemente omofobe del secondo video, perfettamente rappresentative del modo di pensare e di vivere di questo signore. Purtroppo alcune persone si comportano come se vigesse la legge della giungla. Messi davanti ai loro atteggiamenti incivili e prevaricatori non trovano di meglio che offendere”.” (ANSA)
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open