• Lun. Ott 18th, 2021

Parete. Carabinieri sequestrano auto con sirena e led della polizia

DiThomas Scalera

Ago 17, 2015

carabinieri

PARETE. Nel tardo pomeriggio di sabato scorso, a Parete (Caserta), i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile del Reparto Territoriale di Aversa e della stazione di Parete, nel corso di un servizio volto al contrasto dell’illegalità diffusa, con particolare riferimento ai furti in abitazione, hanno ingaggiato un inseguimento di due autovetture, una BMW serie 3 e un Audi A4, che stavano percorrendo a velocità sostenuta la s.p. 131 “Trentola – Ischitella”, provenienti da Ischitella lido, in direzione del centro cittadino di Parete. Mentre la BMW, con a bordo quattro persone, è riuscita ad allontanarsi facendo perdere le proprie tracce, l’inseguimento è proseguito nei confronti dell’Audi, che dopo diversi chilometri ha raggiunto il “campo nomadi” di Napoli – Secondigliano (NA), dove i cinque occupanti del mezzo sono riusciti a dileguarsi a piedi, favoriti dalla calca creatasi con i numerosi nomadi immediatamente accorsi. L’ordine pubblico è stato immediatamente ripristinato anche grazie all’ausilio dei Carabinieri della Compagnia di Napoli Stella e del Nucleo Radiomobile del Capoluogo. Nel frattempo i Carabinieri di Aversa hanno proceduto al sequestro dell’Audi A4, recante targhe contraffatte e, al cui interno, a seguito di perquisizione, sono stati rinvenuti attrezzi per effrazione, un impianto di registrazione tipo DVR, guanti e targhe di altre autovetture. Inoltre il mezzo è risultato provvisto di un impianto acustico tipo “sirena” in uso alle forze di polizia e di due lampeggianti led a luce blu inseriti nella parte anteriore, utilizzati dai malviventi per farsi strada durante l’inseguimento. Indagini in corso da parte dei Carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru