Sab. Ago 24th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Pedofilia: in Italia un caso al giorno

2 min read

Nonostante la difficoltà di avere un conteggio preciso, a causa dei casi che non vengono denunciati, Telefono Azzurro ha segnalato i dati ufficiali delle chiamate di denuncia per pedofilia: 301 nell’arco del 2016. Praticamente 1 al giorno. Ieri (18 novembre 2017), in occasione della Giornata europea per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, Telefono Azzurro ha evidenziato che sono circa 18 milioni i casi in Europa di abusi su minori ogni anno. A tale fatto si va ad aggiungere il risultato di una indagine svolta dall’Internet Watch Faundation, che vede l’aumento del 19% di materiale pedopornografica “gestito” nei server europei. Infatti, sempre secondo tale rapporto, il continente europeo ospita il 60% di tutto il materiale pedopornografico della rete. Non c’è che dire: un bellissimo primato. Ma non si finisce certo qui: nel 2016 l’Interpol ha identificato 5 bambini vittime di abusi sessuali on line al giorno. Inoltre, a chiosa di quanto detto in premessa, Telefono Azzurro fa sapere che le percentuali delle segnalazioni sulle 2 linee telefoniche che fanno capo all’associazione sono aumentate in ambo i casi. Al numero 19696 i casi di denuncia sono aumentati del 40% rispetto al 2015, mentre sulla linea 114 l’aumento è stato del 10%. Sempre sulla linea 114, un caso su due di violenza sessuale è denunciato da bambine di età inferiore agli 11 anni. Anche l’invio di immagini sessualmente esplicite tramite internet o cellulare (cosiddetto “sexting”) è in aumento sostanziale, raddoppiandosi dal 3,5% circa al 7. Ovviamente a questi dati ufficiali vanno aggiunti i casi, non contemplati ovviamente in questa sede, di abusi non denunciati. Tali abusi, nella maggior parte dei casi, sono casi legati al nucleo familiare, sempre più spesso con l’accondiscendenza (vuoi per paura, vuoi per devianza) del partner. Sempre più spesso vengono allo scoperto casi di “prostituzione minorile” invogliata e anzi obbligata dai genitori stessi di bambine poco più che dodicenni. Per non parlare di altre mostruosità e aberrazione che vengono allo scoperto solo pochissime volte, come l’abuso su bambini con il benestare degli stessi genitori. Sempre più spesso dove c’è degrado materiale, quello morale insiste e permea, squartandola, la pace familiare e il senso di famiglia stessa. Disperazione che attira disperati e pervertiti ad incontrarsi su malsani tavoli di perdizione e aberrazione. Non dovremmo mai perdere gli “occhi del bambino” che tutti noi siamo stati.

Napoli. Rissa in carcere: tre agenti feriti

Disabili e integrazione, successo a Marcianise per la mostra d’arte contemporanea “Silenziosa”

Potrebbe interessarti

Open