Lun. Set 23rd, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Pegasus, il nuovo spyware che controlla Whatsapp

2 min read

Viene dall’Israele il software che spia attivisti e avvocati. Con una sola chiamata infetta lo smartphone

Ebbene sì, abbiamo un nuovo incubo per la nostra privacy, si chiama Pegasus ed e’ uno spyware, il cui scopo è quello di monitorare l’attività e raccogliere  i dati della persona spiata.

Come funziona?

Semplice, basta una semplice chiamata vocale su Whatsapp e lo spyware si installa sul cellulare, non è necessario che la “vittima” risponda.  Lo spyware cancella la chiamata così che la persona attaccata non possa notare l’accaduto.

Chi sono le persone più a rischio?

  • Giornalisti
  • Avvocati
  • Attivisti

L’azienda produttrice è la Nso, azienda israeliana, che dopo l’accaduto ha finalmente deciso di dichiarare che uno dei dipendenti che lavorava per la società è riuscito a trafugare dai server Pegasus, e che abbia poi tentato di vendere sul dark web per l’incredibile cifra di 50 milioni di dollari.

 Dopo sollecitazioni da parte dei dirigenti di Whatsapp, l’azienda ha rilasciato un comunicato in cui afferma: “ I nostri programmi sono venduti alle agenzie di intelligence e alle forze di polizia autorizzate solo per combattere il terrorismo e la criminalità. Quando ci vengono segnalati abusi, interveniamo e blocchiamo il sistema”.

Questa tipologia di programma viene utilizzato per spiare narcotrafficanti o persone di un certo calibro come il giornalista Jamal Khashoggi, ucciso nel consolato saudita a Istanbul.

Quali danni provoca questo software?

Dopo l’istallazione, l’hacker può entrare senza problemi nelle chat criptate, può cancellare il registro chiamate,usare la fotocamera,microfono ed accedere a qualsiasi informazione che si trova sullo smartphone.

Tutti i sistemi operativi sono a rischio: iOS, Android e Windows Phone.

Chi si sta muovendo a riguardo?

Un gruppo di avvocati sostenuti da Amnesty International, l’organizzazione per i diritti umani, ha presentato una petizione in un tribunale israeliano contro il ministero della Difesa perché non permetta l’esportazione di questo software.

Chi può utilizzarla legalmente?

L’applicazione dovrebbe essere utilizzata solo per scopi militari ed essere approvata dai funzionari del ministero. I rischi che comporterebbe l’uso inadeguato di tale software sono altissimi.

Cosa fare?

Al momento l’unica cosa consigliabile è aggiornare l’applicazione o disinstallare per poi reinstallare il programma al primo accenno di rischio.

Leggi Anche:

CANCELLO ARNONE. BIMBI LEGATI IN CLASSE, CONDANNATA IL 14 MAGGIO SCORSO LA LORO MAESTRA

MACERATA CAMPANIA. ARRESTATO PER SPACCIO DI DROGA, 39 ENNE DI CASAGIOVE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open