Dom. Dic 8th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Perchè si ‘festeggia’ l’8 marzo

3 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Oggi è l’8 marzo, la festa della donna.

Dietro questa festa (termine non proprio esatto perchè in realtà si chiama Giornata internazionale della donna) c’è un significato molto importante.

La storia più conosciuta della festa della donna è senza dubbio quella che risale al 1908. In un’ azienda tessile, la Cotton di New York, alcune operaie decisero di fare sciopero per denunciare le condizioni poco accettabili nelle quali erano costrette ad eseguire il proprio lavoro. La protesta continuò per alcuni giorni, fino all’8 marzo, quando i proprietari decisero di bloccare tutte le uscite dell’industria. Il destino ha voluto che scoppiasse un incendio in cui persero la vita 129 donne, alcune anche italiane, che volevano solo avere un posto migliore in cui lavorare. Questa pare sia la leggenda più conosciuta sulla festa della donna, ma non la vera storia.

La vera storia della festa della donna va fatta coincidere con il 28 febbraio del 1909, quando il Partito Socialista americano, dopo anni di discussioni, decise di organizzare una grande manifestazione in favore del diritto di voto delle donne. Dal novembre 1908 fino al febbraio 1909 furono molte le proteste e gli scioperi delle donne che desideravano un aumento e un posto di lavoro migliore. Nel 1910 venne presa in seria considerazione l’istituzione di una giornata dedicata alle donne. Il 25 marzo del 1911 successe qualcosa di molto significativo per la nascita della festa della donna. In una fabbrica di New York, la Triangle, un incendio uccise 146 persone, la maggior parte donne immigrate. Da lì in avanti le proteste delle donne iniziarono a moltiplicarsi anche in molto paesi Europei. A San Pietro Burgo, l’8 marzo 1917, le donne manifestarono il loro desiderio di porre fine alla guerra protestando nelle piazze. Questa data fu ispirazione per far istituire a Mosca la Giornata Internazionale dell’Operaia, che si celebra appunto l’8 marzo.

La festa della donna in Italia iniziò a essere commemorata nel 1922. Ma solo nel 1945 l’Unione Donne in Italia diede un certo peso a tale manifestazione, celebrando la giornata della donna nelle zone liberate dal fascismo. L’anno successivo, l’8 marzo 1946, nacque la giornata della donna: tutta Italia ricordò la celebrazione dell’anno prima. Fu scelta la mimosa come simbolo perché fiorisce nei primi giorni di marzo. Negli anni a seguire la giornata è diventata anche simbolo di reclamo di diritti e di tutela delle conquiste delle donne.

Non ci limitiamo a pensare, dunque, che è la festa dove regalare le mimose al gentil sesso e/o delle cene fuori per le donne, ma pensiamo soprattutto al significato importante che c’è dietro questa festa.

Leggi anche:

Santi Cosma e Damiano. Inizia il progetto scolastico contro la violenza di genere

Capua. Rifiuti, assente la Falzarano all’incontro in Prefettura. Sciopero il 24 marzo

Potrebbe interessarti

Open

Close