Comunicati Stampa

Piedimonte Matese. 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino, lunedì l’incontro con Massimo D’Alema

PIEDIMONTE MATESE. Lunedì 6 maggio importante incontro-dibattito a Piedimonte Matese.

A trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino quali prospettive geopolitiche si aprono all’orizzonte per l’Europa e per i nuovi equilibri mondiali, ancora tutti da definire?

La caduta del Muro di Berlino segna uno spartiacque nella storia politica, sociale ed economica non solo della Germania, ma dell’intera Europa. Più in generale si sono avute ripercussioni su vasta scala che hanno cambiato gli scenari geopolitici mondiali.

Se ne discuterà lunedì 6 maggio, alle 10.30, presso l’Auditorium comunale di Piedimonte Matese, in Largo San Domenico, con ospiti di grande prestigio: Maria Luisa Chirico, Direttrice Dilbec presso l’Università Luigi Vanvitelli di Caserta, Giovanni Cerchia, docente di Storia contemporanea presso l’Università degli Studi del Molise, Massimo D’Alema, Presidente della Fondazione Italianieuropei, già Presidente del Consiglio dei Ministri, già Ministro degli affari esteri.

L’incontro, promosso dall’Associazione Piedimonte Futura, si preannuncia particolarmente interessante soprattutto per gli studenti dell’ultimo anno degli Istituti superiori, che fra poco più di un mese saranno alle prese con le impegnative prove dell’Esame di Stato.

Una riflessione a tutto tondo sulla fine della Guerra Fredda, sulle illusioni generate dalla repentina caduta del Muro di Berlino, sulla complessità dei temi legati all’attualità e alla intricata trama delle relazioni che, oggi, caratterizzano non più soltanto i tradizionali rapporti Est – Ovest, ma anche quelli tra Nord e Sud del mondo.

Leggi anche:

Piedimonte Matese. Ospedale, FdI: “Uno spiraglio, speriamo non solo campagna elettorale”

Ailano. Comunali, presentata la lista civica ‘Rinascita’. Lanzone candidato sindaco

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Comunicato Stampa
I comunicati stampa

    Comments are closed.

    0 %
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: