• Dom. Ott 17th, 2021

Piedimonte Matese. I Consorzi di bonifica possono riscuotere i crediti che vantano con i Comuni

DiThomas Scalera

Mar 18, 2016

34479795_piedimonte-matese-carabinieri-presso-la-sede-del-consorzio-di-bonifica-sannio-alifano-0
PIEDIMONTE MATESE. Per gli undici Consorzi di bonifica della Campania è tempo di voltare pagina:d’ora in poi sarà consentito loro di recuperare direttamente presso i Comuni inadempienti tutti i crediti relativi alle attività di collettamento (quelle relative al flusso dell’acqua piovana) senza dover ricorrere necessariamente ad un commissario ad acta. A stabilirlo l’altra sera è stato il Consiglio regionale attraverso una modifica alla legge 4 del 2003, all’interno del maxi emendamento allegato all’ultima finanziaria. Potranno beneficiare del dispositivo pure i tre Consorzi di bonifica casertani, quello del Basso Volturno, il Consorzio Aurunco e il Consorzio del Sannio Alifano che complessivamente occupano circa 300 addetti (compresi i lavoratori stagionali) e che soffrono per un andamento finanziario tutt’altro che favorevole. Il discorso è riferito in particolar modo al Consorzio del Basso Volturno (70 i dipendenti) che vede tra i soggetti pubblici inadempienti ben 65 dei 70 Comuni associati e che vanta un credito che si aggira intorno ai 21 milioni di euro. Non vanno bene le cose neanche a Sessa Aurunca dove la struttura è commissariata dal 2012 e dove ancora deve essere incassata una somma pari a 2 milioni e 600 mila euro. Adesso, però, grazie all’ultimo intervento normativo, i Consorzi potranno far leva su appositi decreti ingiuntivi, saltando ogni intralcio di carattere burocratico. Tutt’altra storia invece riguarda le competenze della società “Campania bonifiche” cui resta il compito di recuperare presso i soggetti privati gli oneri relativi sia ai costi dell’irrigazione (nel caso del Basso Volturno l’entrata annuale si attesta intorno ai 5 milioni di euro) sia ai costi della bonifica, con un’entrata annuale di 3 milioni di euro. Ebbene su entrambi i fronti di riscossione sembrano ormai maturi i tempi per un’inversione di tendenza, per corrispondere in pieno alle pressanti richieste delle comunità e soprattutto dei dipendenti dei Consorzi. In questo scenario, su sollecitazione di Stefano Graziano e Giovanni Zannini, si terrà il 23 marzo un tavolo regionale in cui è prevista una transazione per il pagamento di 6 milioni di euro in favore proprio del Basso Volturno, quali contributi spettanti per le attività di collettamento del periodo 2005-2007 (dall’anno successivo l’onere spetta ai Comuni). L’intento generale è quello di inaugurare una nuova stagione di confronto per tutte le altre controversie che sono ancora aperte sul territorio. Intanto, sulla svolta impressa nel settore dal Consiglio regionale, già si è espresso il consigliere Stefano Graziano. “Per 5 anni tutto è rimasto fermo, pur in considerazione della delicata attività che vengono svolte da tante strutture a tutela dell’ambiente –ha ricordato il consigliere – Con l’ultima modifica alla legge 2003 ci siamo mossi nell’interesse di un servizio essenziale, all’interno di un contesto economico importante come il mondo dell’agricoltura, contribuendo a dare risposte concrete ai lavoratori rimasti senza salario da tanti mesi”. Positivo il giudizio del sindacato. “Grazie alla politica del fare – ha dichiarato Clemente Di Rosa consigliere della Filbi Uil della Campania – è stata emendata una legge ormai datata, consentendo l’eliminazione di insormontabili ostacoli burocratici”

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru