• Gio. Ott 28th, 2021

Piedimonte Matese. Domani riapre la Chiesa di San Domenico dopo il terremoto del 2013

DiThomas Scalera

Feb 20, 2016

chiesa san domenico
La Chiesa di San Domenico e Mons. Valentino Di Cerbo

PIEDIMONTE MATESE. “È solo uno dei primi risultati che consegneremo alle parrocchie danneggiate dal sisma nel 2013” cosi il titolare diocesano ha commentato l’apertura della chiesa di San Tommaso da molti conosciuta come Chiesa di San Domenico. Numerosi fedeli della parrocchia di Santa Maria Maggiore aspettavano questo momento poichè erano costretti a seguire le funzioni liturgiche presso il salone dell’oratorio. Domenica mattina alle 11.00, Mons. Valentino Di Cerbo accompagnato dal parroco don Andrea De Vico celebrerà una santa messa nella chiesa restaurata, restituendo ai fedeli un luogo indispensabile e tra l’altro caro all’intera comunità cittadina nel suo valore storico e artistico. La chiesa comunemente nota come “di San Domenico” in realtà appartiene al complesso domenicano noto come San Tommaso d’Aquino, voluto in città da Sveva Sanseverino agli inizi del XV sec. “La riapertura di San Domenico rappresenta un momento di grande gioia per l’intera Diocesi.”, le prime parole di Mons. Valentino Di Cerbo alla notizia. “Come auspicato alcuni mesi fa, lentamente stiamo portando in luce i risultati tanto attesi che la comunità di Piedimonte Matese aspettava e che merita. Sarà così anche per le altre chiese danneggiate dal terremoto, a breve restituite alle rispettive comunità”. La riapertura della Chiesa avviene ad una settimana esatta dalla visita pastorale del presbitero nella Forania di Piedimonte Matese.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru