• Mar. Ott 26th, 2021

Piedimonte Matese. Ieri a Sorrento la prima messa di fra Antonio Ridolfi

DiThomas Scalera

Ago 30, 2016

3b5cd24ddc8355ca9c64e1052df11c8b_L
PIEDIMONTE MATESE. C’erano oltre cento cittadini di Piedimonte Matese e centri limitrofi la scorsa domenica pomeriggio alla messa celebrata da fra Antonio Ridolfi nella chiesa del convento di San Francesco, a Sorrento, dove si è da poco stabilito il francescano dopo aver trascorso un decennio nella terra matesina, prima come maestro del noviziato poi come guardiano, nel convento di Santa Maria Occorrevole.
In testa al gruppo,il sindaco di Piedimonte Vincenzo Cappello assieme al viceprefetto di Caserta Maria Luisa Fappiano, accolti a Sorrento dall’assessore comunale Maria Teresa De Angelis. Un momento molto sentito dalla comunità matesina che negli anni si è molto affezionata a fra Antonio per l’opera spirituale e sociale di cui si è reso artefice presso la comunità francescana, in tutto il comprensorio, e in particolar modo presso gli ex Salesiani del capoluogo matesino.
Al termine della funzione, c’è stata la consegna a padre Antonio della targa che riporta la cittadinanza onoraria, consegnatagli dal sindaco Cappello. Pochi giorni fa, infatti, la Giunta comunale di Piedimonte ha deciso di assegnare l’encomio al religioso per come ha saputo incidere sul tessuto sociale del territorio, promuovendo numerose occasioni di aggregazione e socializzazione.
Lo scambio di doni è proseguito poi con l’assessore De Angelis, che ha consegnato a Vincenzo Cappello una creazione locale con i colori tipici di Sorrento, mentre il primo cittadino di Piedimonte ha donato alla amministratrice la guida turistica di Piedimonte e il libro di vedute del Matese ritratte da Hackert e Hoare. Le due amministrazioni si sono anche ripromesse di consolidare i rapporti in futuro avviando scambi culturali e promuovendo visite reciproche.
RadiCe

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru