Comunicati Stampa

Piedimonte Matese. Ospedale, il Comitato Civico art.32: “Non si muore di solo Covid!”

Nota del Comitato Civico art.32 – per l’Ospedale di Piedimonte Matese

NON SI MUORE DI SOLO COVID! 

PIEDIMONTE MATESE. Ancora una volta ci giungono richieste di aiuto e ci troviamo ad essere portavoce delle problematiche che sta vivendo lospedale AGP di Piedimonte Matese. Le scelte dei vertici dirigenziali della sanità campana, dell’ASL di Caserta con riferimento al nostro nosocomio, ancora una volta penalizzano fortemente il nostro territorio. Ci viene segnalata la persistente chiusura degli ambulatori esterni, con sospensione delle prestazioni occasionali e programmate, nonché il rinvio dei ricoveri programmati e degli interventi non urgenti. Queste azioni danneggiano soprattutto i malati oncologici e cardiologici, andando ad incrementare la percentuale di morte per infarto. L’Ospedale, dunque, luogo deputato ad essere spazio sicuro di cura, in questo momento di pandemia, viene, ad essere percepito non solo come ambiente dal quale stare lontani per paura di contagio, ma anche e soprattutto come struttura pubblica che non riesce a soddisfare i bisogni dei malati non Covid. Mai come in questo momento, invece, è fondamentale che l’Ospedale e il Pronto Soccorso siano punti di riferimento SICURI per i cittadini che soffrono di patologie NON COVID e che garantiscano il lavoro in sicurezza di tutto il personale medico e paramedico. Come si può realizzare tutto questo? Ci viene riferito che presso il nostro Presidio vi è un grave problema inerente la mancata autorizzazione a processare i tamponi rinofaringei per la rilevazione del virus COVID\SARS presso il laboratorio di analisi interno del PSA di Piedimonte Matese nei pazienti che accedono al P.S. ed in attesa di ricovero. Attualmente, infatti, una volta effettuato il tampone in loco, lo stesso viene inviato presso i centri di Marcianise ed Aversa per l’analisi; tutto ciò comporta tempi di attesa estenuanti, anche di 24/48 ore, e i pazienti rimangono isolati all’interno di stanzette apposite in attesa dell’esito. Il problema serio purtroppo sussiste per i casi più gravi, laddove, per salvare la vita al paziente, è necessario trasferirli urgentemente in corsia, cosa che viene fatta con l’unico riscontro del sierologico che ha, purtroppo, scarsa attendibilità. Riteniamo, pertanto, INDISPENSABILE che il Laboratorio analisi del nostro presidio sia autorizzato a processare i tamponi dei pazienti e del personale medico, in modo da avere risultati veloci e certi che garantiscano di ricoverare i pazienti in sicurezza, rendendo l’Ospedale un luogo di cure e di lavoro sicuro. È grave, infatti, ed ha necessità di inversione di tendenza, il dato per cui dall’inizio della pandemia si sono registrati il 70% di accessi in meno al Pronto Soccorso per paura di contagio. Se non si accede alle cure, soprattutto in caso di emergenza, si muore. Noi non vogliamo polemizzare, ci rendiamo umilmente conto però, che il nostro Ospedale, tanto osannato in periodo pre-elettorale, protagonista dei più bei e floridi programmi, sia rimasto un contenitore vuoto, con progetti ed “idee” ancor più vuote e deficitarie di positive e consistenti attuazioni. In attesa che tutto si compia, che l’azione congiunta, trasversale, dedicata al territorio matesino trovi conferma, denunciamo la mancata organizzazione dell’assistenza sanitaria presso il Presidio Ospedaliero AGP di Piedimonte Matese che, lungi dal diventare DEA di I livello, come più volte e da tanti proclamato, appare sempre più al centro di un’opera di marginalizzazione. Nella più ristretta e concreta realtà locale: il depotenziamento dei servizi, si veda da ultimo l’impedimento di processare i tamponi presso lo stesso PSA locale, la drammatica riduzione dei posti letto nei reparti ancora “resistenti”, l’accorpamento di taluni reparti (che tutto sommato in situazione di emergenza potrebbe anche starci), il depotenziamento dell’ambulatorio cardio-oncologico del nostro Ospedale, fiore all’occhiello del nostro territorio, per trasferimento del responsabile presso il centro Covid di Maddaloni…, sono tutti interventi che mortificano il diritto alla salute dei cittadini dell’Alto Casertano. Sono queste le “accelerazioni” che purtroppo continuano a penalizzare il nostro territorio, il nostro Presidio Ospedaliero, che seguita a diventare, sempre di più, un “contenitore privo di contenuti”!

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Andrea De Luca
La rassegna

    Comments are closed.