Comunicati Stampa

Piedimonte Matese. Ospedale, lettera aperta a tutti i concittadini del Distretto 30… la battaglia è conclusa!!!…?

Nota del Comitato Civico art.32 – per l’Ospedale di Piedimonte Matese

PIEDIMONTE MATESE. Tra una notizia e l’altra, leggendo articoli di eco-cardio in arrivo, di mancata sostituzione di pezzi della TAC, di ambulanze che partono per Sessa Aurunca, di laboratori scomparsi e della cardiologia ridotta al lumicino, apprendiamo invece, improvvisamente, che il nostro Ospedale è stato,
finalmente, promosso a DEA di I livello. Alla notizia non possiamo che gioire. Dobbiamo ritenere
conclusa la battaglia e, soddisfatti, togliamo il disturbo? Naturalmente al Comitato non interessano
riconoscimenti di merito, perché l’unica ricompensa è l’ottenimento di un presidio sanitario
funzionante secondo le esigenze di questa comunità. Non abbiamo interessi per la prossima
competizione elettorale né per chi potrà prendersi la paternità/maternità dell’”operazione”, grazie
alla quale racimolare qualche voto e toglierlo all’avversario. Non è importante. Chi si è impegnato
ha fatto il proprio dovere e non deve aspettarsi ricompense.

Siamo contenti? Certamente, anche se confusi per le dichiarazioni alquanto contraddittorie di chi
afferma la certezza della nuova classificazione “ l’Ospedale di Piedimonte è DEA di I livello” e di chi
invece ritiene che “si sia avviato un procedimento” di variazione. Diciamo, quindi, che gli atti, i
video, i post e le telefonate ci fanno ben sperare, ma, come si suol dire, non mettiamo il carro avanti
ai buoi ed aspettiamo di vedere fatti concreti.

Entrando nel merito della questione e leggendo il provvedimento dell’Asl di Caserta, prendiamo
atto che le richieste, condivise da molti Sindaci e dal Presidente della Comunità Montana, ritenute
inutili da qualche rappresentante politico scettico e sbagliate da qualche medico contrario,
consegnate al Commissario De Luca dal Comitato in occasione dell’incontro avuto presso gli uffici di
presidenza e portate all’attenzione del Direttore Russo, sono state integralmente accolte.

Con la deliberazione n. 1019/2020 il Direttore dott. Ferdinando Russo, oltre a recepire le recenti
DGRC n. 304 di giugno e n. 378 di luglio, in materia di Covid, ha deliberato, di rimodulare la
destinazione dell’Ospedale di Piedimonte Matese promuovendolo, “nelle more delle definitive
determinazioni che potranno essere assunte solo al termine della pandemia Covid 19”, a DEA I
livello. In realtà, il provvedimento prevede molto di più e include tutte le istanze del Comitato art.32,
in quanto riclassifica quali unità complesse quelle di Ortopedia e Chirurgia Generale, e prevede
anche l’attivazione di una unità semplice di Urologia. Questo il contenuto dell’atto che, ovviamente,
rimanda per gli atti consequenziali al parere favorevole della Regione.

Per renderlo operativo, dunque, occorre un ulteriore passaggio.

Non siamo ancora soddisfatti. Se ci è consentito, qualche riflessione deve essere fatta, sia sulla
tempistica che sulla procedura, tralasciando gli aspetti esclusivamente tecnici che potrebbero
leggersi tra le righe.

Prima di esprimerci nel merito abbiamo voluto, secondo il modus operandi costante che ha
caratterizzato la nostra attività, analizzare la normativa e gli atti presupposti.

La ratio della delibera Asl è di recepire le indicazioni regionali per il riassetto del sistema di assistenza
ospedaliera sul territorio in periodo pandemia Covid. Sulla situazione del nostro Presidio, come si
legge dalle carte, ha influito la destinazione esclusiva dell’Ospedale di Maddaloni per l’assistenza
sanitaria ai malati Covid-19 e la vasta area di competenza.

Il provvedimento, però, lungi dall’essere una promozione definitiva dell’Ospedale a DEA I livello, è
un atto emesso in “situazione di emergenza” per l’emergenza, rinviando in un momento successivo
agli organi regionali per eventuali decisioni più stabili.

Come abbiamo più volte sottolineato, l’uscita dal Commissariamento ha implicato che, come
prescritto dalla normativa, solo una delibera di Giunta approvata in Consiglio può modificare il Piano
Ospedaliero e promuovere in via definitiva il nostro ospedale.

Ciò non vuol dire che la neo-emessa delibera del Dott. Russo sia inutiliter data, ma che essa ha un
valore temporaneo, non vincolante e che non garantisce un risultato.

Siamo contenti ma non soddisfatti, c’è ancora tempo per festeggiare e ritenere conclusa
l’esperienza.

Aspettiamo che la Regione formalizzi con i propri atti la promozione modificando nelle forme
previste dalla legge il DCA 103/2019.

Nel frattempo chiediamo al dott. Russo di ripristinare tutti gli ambulatori per esterni sospesi con il
Covid, disporre gli idonei interventi per rimettere in funzione la Tac del nostro Presidio, di fornire,
finalmente, il Reparto di Cardiologia di efficiente eco-cardio e consentire che lo stesso ritorni alla
originaria funzionalità.

Questo per attestare la reale volontà di investire nell’Ospedale AGP e sull’assistenza sanitaria nel
nostro territorio.

Infine, abbiamo letto le tante rivendicazioni su questo DEA piedimontese e onestamente ci
chiediamo come possano oggi vantarsi “del risultato” coloro che hanno voltato le spalle ad un
territorio in cui postulano puntualmente voti, che in Ospedale a Piedimonte non hanno mai messo
piede, che hanno ignorato le richieste di aiuto, che sono stati sordi agli appelli ed hanno deriso i
cittadini. A tutti questi personaggi vogliamo ricordare che se oggi possiamo ancora parlare di
promozione del nostro Ospedale e solo grazie alla determinazione e perseveranza dei cittadini che
si sono fatti promotori della battaglia.

Il DEA ed un’assistenza ospedaliera efficiente sono un diritto dei cittadini Matesini che pagano le
tasse come tutti i cittadini Campani, sono un diritto dei medici, degli infermieri, degli OSS, dei
paramedici e di tutti coloro che ogni giorno profondono le loro energie per tutelare, in situazioni di
grande difficoltà, la salute della gente. Sono IL DIRITTO di un territorio troppo spesso dimenticato
e depotenziato.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0
Comunicato Stampa
I comunicati stampa

    Comments are closed.