• Mer. Ott 27th, 2021

Piedimonte Matese. Ospedale, il sen. D'Anna: "Ho chiesto al ministro della Salute di avviare una visita ispettiva alla struttura"

DiThomas Scalera

Feb 19, 2016

ospedale-piedimonte-matese25-660x330
PIEDIMONTE MATESE. “Ho chiesto al ministro della Salute di avviare una visita ispettiva all’ospedale di Piedimonte Matese”. Lo dice, in una nota, il senatore Vincenzo D’Anna del gruppo Alleanza Liberalpopolare Autonomie. “Viste le grosse criticità in cui versa l’assistenza sanitaria in Terra di lavoro – continua D’Anna – ho ritenuto opportuno iniziare una serie di visite nelle strutture ospedaliere dell’Asl Caserta proprio al fine di verificarne l’effettivo stato di affanno. E la prima tappa è avvenuta nel plesso ospedaliero di Piedimonte Matese (Ce), rimasto ormai l’ultimo baluardo sanitario dell’alto Casertano dopo la soppressione dell’ospedale di Teano”. Ebbene, prosegue D’Anna: “ho riscontrato che per effettuare una risonanza magnetica per un paziente dell’ospedale matesino, bisogna recarsi presso l’ospedale di Aversa a ben 80 chilometri di distanza realizzando, così, un costo che va dai 3 mila ai 5 mila euro contro i circa 100 euro normalmente previsti per una Rmn in un centro accreditato convenzionato”. Tanto perché, aggiunge ancora il senatore di Ala: “i tempi di attesa sono quelli che sono e una giornata di degenza costa all’ospedale non meno di mille euro. Un calcolo elementare che fa riflettere sulla gestione non proprio oculata della sanità locale”. Per questo “e per le tante altre criticità riscontrate nel nosocomio matesino, ho presentato una interrogazione al Ministro della Salute, con la quale chiedo una visita ispettiva ministeriale” conclude D’Anna.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru