• Mar. Ott 26th, 2021

Piedimonte Matese. Terzo appuntamento con “I Caffè d’Autunno”, ospite il giornalista e scrittore Francesco de Core

DiThomas Scalera

Nov 21, 2015

20150521_core55

PIEDIMONTE MATESE. Contrasti e passioni. Nostalgie e turbamenti. Visioni “possibili” e occasioni mancate. Dare una definizione al Sud è impossibile. Raccontarlo è una sfida. Viverlo è una necessità.  E allora, sulle tracce di chi quei luoghi sperduti e spesso struggenti del Sud Italia li ha già percorsi e raccontati, occorre una nuova ripartenza. Sottobraccio le pagine antiche e recenti di letteratura&giornalismo. E, fra le mani, il taccuino del giornalista di lungo corso. Nasce anche con queste premesse l’ultimo libro di Francesco de Core, redattore capo de Il Mattino, che nel suo “Un pallido sole che scotta” (Ed.Spartaco) narra del viaggio compiuto nel profondo Sud, quel Meridione d’Italia ancora dibattuto, ancora occasione persa, ancora fanalino di coda per tanti, troppi aspetti. Se ne discuterà stasera, alle 19, a Piedimonte Matese, presso il Caffè Penza, nell’ambito della quinta edizione della Rassegna “I Caffè d’Autunno”, promossa dall’associazione culturale Byblos, che quest’anno, in particolare, ha scelto di aprire, indirettamente, attraverso la voce degli autori, una riflessione proprio sulle “voci narranti” del Sud Italia, invitando in prevalenza scrittori e giornalisti campani, da Francesco de Core a Maurizio de Giovanni, da Stefano Piedimonte a Diego De Silva, da Vincenzo Ammaliato a Nadia Verdile, inserendo in cartellone anche autori emergenti, come Dario De Marco e Armando Trodella.Crediti formativi per gli studenti degli Istituti superiori e sconti speciali sul prezzo di copertina durante gli incontri in programma sono, anche stavolta, una costante de I Caffè d’Autunno. Fino al 31 dicembre 2015 sarà inoltre possibile formalizzare l’iscrizione all’Associazione culturale Byblos. Info [email protected]

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru