Mar. Mag 26th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Pietramelara. Associazione culturale ‘Amadeus’, Peluso smentisce le accuse: “Noi apolitici”

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

PIETRAMELARA. Durante il Consiglio Comunale tenutosi martedì 16 aprile, un assessore della giunta Di Fruscio in un intervento ha dichiarato che l’associazione culturale ‘Amadeus’ esercita attività a scopo di lucro servendosi di strutture comunali ed è schierata politicamente. Il Presidente e rappresentante legale dell’associazione Antonio Peluso smentisce queste accuse non veritiere e precisa: “L’associazione culturale ‘Amadeus’ è assolutamente apolitica ed è fuori da ogni polemica strumentale. I docenti e gli iscritti sono appartenenti alle varie estrazioni politiche locali. Quello che la politica divide la musica unisce. Lo scopo del nostro gruppo è solo e soltanto quello di diffondere e insegnare musica. Ho il dovere di tutelare l’immagine della mia associazione da alcune dichiarazioni false che mi sono giunte all’orecchio. Se queste accuse calunniose e diffamatorie dovessero ripetersi saremo costretti ad agire per vie legali. Fatte queste importanti precisazioni, colgo l’occasione per augurare buona Pasqua a tutti e ricordare che a settembre riprenderanno le attività di Amadeus’ con i nuovi corsi musicali grazie anche alla disponibilità di locali messi a disposizione gratuitamente da un privato”.

L’associazione culturale ‘Amadeus’ di Pietramelara, nata nel 2012, si propone di diffondere la cultura musicale nel mondo giovanile e non, di ampliare la conoscenza dell’arte musicale e di trasmettere l’amore per la musica come valore sociale. ‘Amadeus’ negli ultimi anni ha istruito un grande numero di allievi.

Leggi anche:

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close