• Gio. Ott 28th, 2021

Pietramelara. Controlli della Guardia di Finanza, l'imprenditore Leonardo vuole fare chiarezza

DiThomas Scalera

Giu 11, 2017

PIETRAMELARA. L’imprenditore Fulvio Leonardo vuole fare chiarezza sulla vicenda dei controlli effettuati dalla Guardia di Finanza presso l’azienda al confine tra i Comuni di Pietramelara e Roccaromana. Ecco la nota di Leonardo:

PER FARE CHIAREZZA

Egr. direttore – redazione “V-NEWS”
In riferimento alle vicende che mi hanno di recente interessato, evidenzio:
1) La prima notizia con cui si è ipotizzata la mia implicazione per fatti inerenti il gasolio clandestino e l’inquinamento ambientale per lo sversamento di idrocarburi nel sottosuolo, è stata pubblicata sul gruppo FB “Forum Pietramelara senza censure” alle ore 13:49 del giorno 09/06/17, quando le operazioni erano ancora in corso Per dovere di informazione sarebbe stato opportuno e corretto, per chi ha effettuato tale pubblicazione, attendere l’esito delle operazioni prima di formulare ipotesi.
Probabilmente la notizia così preventivamente rappresentata era volta a fare “scalpore” e scuotere le coscienze della nostra comunità. Ma non voglio commentare oltre.
2) Anche i successivi articoli apparsi nell’odierna giornata contengono delle inesattezze (facendo immaginare al lettore una gravità inesistente) riscontrabili dal comunicato stampa della Guardia di Finanza, allegato agli stessi, dal quale si evince che l’operazione si sarebbe svolta nell’ambito della normale attività di controllo del territorio e non si innesterebbe in un’attività più ampia. Pertanto non parte da lontano né rientra in una più ampia inchiesta.
3) Non è stato accertato dagli operanti alcun inquinamento ambientale né nessun sversamento di idrocarburi nel sottosuolo. non è stato rinvenuto alcun prodotto petrolifero di contrabbando..
4) Per ciò che concerne l’impianto di distribuzione a servizio degli automezzi dell’azienda, si è rilevata la difformità da quanto indicato nel certificato di prevenzione incendi e la realizzazione delle strutture e degli impianti, quindi la non conformità alla normativa sulla sicurezza ed antincendio. E nelle opportune sedi dimostreremo che la documentazione al riguardo è idonea e che sussiste la mia estraneità ai fatti.
5) I contenitori rinvenuti sono solo sei e non diciannove ed erano tutti vuoti, acquistati solo con l’intento di ripristinarli per l’uso corretto. Le altre cisterne sono state probabilmente rinvenute (mi sembra di capire ugualmente vuote) in possesso di un diverso soggetto e non hanno nulla a che vedere con l’azienda LTD srl infatti non sono riportate negli atti in mio possesso. Non capisco perché il comunicato stampa lasci intendere che anche quest’ultime mi siano state attribuite. Ma parlano gli atti!
6) Evidenzio che nel corso delle operazioni la GF ha proceduto in via preliminare ad effettuare prove “termo densimetriche” sui residui contenuti nei serbatoi interrati e nella cisterna mobile. L’esito della prova ha dato, come risultato, una temperatura del prodotto di 29 gradi ed una densità di 0,830. Sulla scorta di tale risultato gli operatori della GF hanno dedotto che questo rientra nel prodotto petrolifero “Gasolio per autotrazione”.
Non intendo commentare le affermazioni giornalistiche, rese da altro organo di informazione rivendicando la “libertà di stampa”. Avrei preferito che le asserzioni si fossero limitate nei miei soli confronti senza che fossero tirate in ballo terze persone, approfittando del “momento”.
La saluto evidenziando, a titolo di informazione, che ogni mia precedente questione è in via di risoluzione.
 
Leggi anche: Pietramelara. Gasolio clandestino e inquinamento ambientale, arriva la smentita del destinatario

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru