• Mar. Giu 28th, 2022

La protesta dei genitori e dei docenti della scuola media di Pietramelara

PIETRAMELARA. I genitori degli alunni della scuola media di Pietramelara protestano per i problemi tecnici relativi all’impianto di riscaldamento. Le aule e i corridoi del plesso scolastico sono gelidi da più di un mese e mezzo. Tante mamme non hanno mandato i loro figli a scuola. La problematica è stata sollevata da una docente sui social in questi giorni. “La situazione è veramente assurda, io sono giunta al limite, sto avendo dei problemi di salute legati a questo freddo e non ho intenzione di ammalarmi – scrive – La legge è chiara e mi tutela e quindi, finché la scuola non sarà un ambiente dove è possibile stare bene io svolgerò il mio servizio solo nelle altre scuole”. 

Sulla questione, il Comune di Pietramelara ha replicato con una nota nella quale si legge: “Nella giornata di venerdì scorso si è presentato un problema all’impianto: avendo avvertito un’anomala rumorosità proveniente dal vano delle caldaie, nel rispetto di un principio di massima precauzione, il Dirigente Scolastico ha ritenuto opportuno chiedere al tecnico comunale di valutare l’opportunità di spegnere la caldaia in attesa di verifiche. Immediatamente si è adoperato per richiedere l’intervento urgente degli operatori della manutenzione che nel giro di un’ora hanno avviato le verifiche e individuato il dispositivo che generava il rumore, provvedendo a sostituirlo. Si è tuttavia avuto conferma che il problema strutturale, dovuto al fatto che l’impianto è molto vecchio, richiede un’opera di adeguamento di natura straordinaria non eseguibile durante il corso delle lezioni”.

Per l’adeguamento dell’impianto di riscaldamento si dovrà attendere la fine dell’anno scolastico, quando ci sarà la sospensione estiva delle lezioni. Ma questa attesa, è proprio il caso di dirlo, fa rabbrividire insegnanti e studenti.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Andrea De Luca

La rassegna