• Dom. Set 26th, 2021

Depuratore comunale, l’intervento del sindaco di Pietramelara

PIETRAMELARA. Il sindaco di Pietramelara Pasquale Di Fruscio interviene sulla notizia del sequestro del depuratore comunale con un post pubblicato su Facebook.

DEPURATORE COMUNALE – PER UN’INFORMAZIONE CORRETTA

In queste ore è stata data notizia dell’avvenuto sequestro del depuratore del Comune a causa del suo cattivo funzionamento, con la descrizione delle varie ipotesi di reato.

Nei limiti delle esigenze di riservatezza imposte dalle indagini tutt’ora in corso riteniamo doveroso informare la cittadinanza in una maniera corretta, stigmatizzando la superficialità di chi ha diffuso la notizia riportando soltanto le ipotesi, astratte, formulate nella sede del rilievo.

Senonché alla notizia mancano proprio le valutazioni che, non gli agenti, ma un giudice, il G.I.P. (giudice delle indagini preliminari), già nella PRIMISSIMA fase delle indagini ha svolto “d’ufficio” e senza che ancora sia stata aperta la fase riservata alle difese.

Ebbene, per quello che si può riferire in questa sede, il GIP afferma a) che non è ammissibile procedere “a strascico” e cioè facendo cumulo indifferenziato delle posizioni di responsabilità, dovendosi distinguere, nella contestazione di violazioni all’ambiente e alla “gestione del sistema di depurazione” le posizioni soggettive di ogni persona che viene coinvolta, tenendo conto dei ruoli assegnati a ciascuno per legge e per le funzioni svolte;  b) che sicuramente non è proprio ipotizzabile una delle fattispecie formulate (per ragioni di ordine tecnico – giuridico che è superfluo dettagliare) c) che l’inquinamento delle acque è molto “dubbio e incerto” atteso che i valori “fuori norma” sono significativamente ridotti e che i prelievi delle acque sono avvenuti “in un piccolo ruscello (non a caso definito rivolo) che si immetteva ragionevolmente a valle, in corsi d’acqua di maggiori dimensioni, che ne diluiscono la carica” sicché in concreto è molto discutibile anche l’effettività dell’inquinamento.

Queste in sintesi le valutazioni, di prima cognizione, che ha svolto il Giudice delle indagini sui fatti che qualcuno ha frettolosamente riportato, senza peritarsi di approfondire l’aspetto più importante e cioè proprio il vaglio del giudice “terzo”.

Sul piano amministrativo, quello che ci occupa come amministratori e non come “gestori del depuratore”, riteniamo di avere fatto, a partire dal primo giorno del nostro insediamento, più di quanto ci si potesse attendere da qualsiasi amministrazione, anche la più attenta e scrupolosa, per una difesa convinta del nostro ambiente.

Chi frequenta la zona del rivolo “Pontevecchio” sa in quali condizioni si trovava il depuratore alla data del nostro insediamento e come si trova ora.

Sono tutti documentati i lavori che abbiamo eseguito a partire dal giugno 2017 per risolvere i gravissimi problemi strutturali e di funzionamento dell’impianto e le relative determinazioni del funzionario comunale sono a disposizione di chiunque stante l’accesso documentale “libero” in materia di ambiente.

Attualmente sono in corso altri lavori di sistemazione della rete fognaria e del sistema di depurazione, per un valore di oltre 1.300,000 euro, già appaltati e consegnati.

IL SINDACO Avv. Pasquale Di Fruscio

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Andrea De Luca

La rassegna