• Sab. Ott 16th, 2021

Pil +0,2% nel III trimestre. La crescita è inferiore alle stime

DiThomas Scalera

Dic 2, 2015

soldi

Il governo aveva stima una crescita dello 0,9%, ma gli ultimi dati dell’Istat indicano una frenata. Renzi però appare sicuro: “Secondo me chiudiamo almeno allo 0,8%”. Male le esportazioni e gli investimenti.

La disoccupazione cala ai minimi da tre anni, con il tasso che si ferma all’11,5%. Lo stesso non si può dire per il Pil, la cui crescita è sotto le attese nel terzo trimestre dell’anno. Gli ultimi dati dell’Istat portano ad una buona e ad una cattiva notizia, ma il premier, Matteo Renzi, sembra essere certo sul risultato finale della crescita per quest’anno: “Secondo me chiudiamo allo 0,8 anche se il Mef sostiene che comunque sarà lo 0,9”, il target fissato nel Def.

Frenata Pil

Dunque, guardando alla crescita economica, l’istituto nazionale di statistica spiega che nel periodo giugno-settembre il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2% rispetto al II trimestre e dello 0,8% nei confronti del III trimestre 2014. Il dato tendenziale, e cioè rispetto al III trimestre 2014, è inferiore alle stime che davano il +0,9% mentre quello congiunturale è rimasto invariato. La variazione acquisita per il 2015 è pari allo 0,6%.

Male export e investimenti
Rispetto al trimestre precedente, per i principali aggregati della domanda interna sono stati registrati andamenti varianti: l’Istat spiega che i consumi finali nazionali sono cali dello 0,4%, mentre gli investimenti fissi lordi hanno segnato una flessione dello 0,4%. Riguardo alle componenti estere, le importazioni sono aumentate dello 0,5% e le esportazioni sono diminuite dello 0,8%. Si rilevano andamenti congiunturali positivi per il valore aggiunto di tutti i principali comparti, con incrementi di 2,3% nell’agricoltura, 0,3% nell’industria e 0,1% nei servizi. Si registrano variazioni positive del valore aggiunto anche in termini tendenziali: 3,7% nell’agricoltura, 0,9% nell’industria e 0,5% nei servizi.

Critiche dall’Unione Nazionale Consumatori: “Ora la previsione del Governo di avere per fine anno una crescita tendenziale dello 0,9% diventa davvero un miraggio”. “E per fortuna i tecnici del Mef si aspettavano che la prima stima resa nota nei giorni scorsi dall’Istat aumentasse – dichiara Massimiliano Dona, Segretario dell’UNC – Invece quella congiunturale non sale a +0,3 come sperato e quella su base annua addirittura scende. Ora serve un IV trimestre miracoloso per raggiungere l’obiettivo di fine anno”.

Fonte: fanpage.it

 

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru