• Dom. Ott 24th, 2021

Pontelatone. ‘Un mattone per Togoville’, cena di beneficenza per costruire un ospedale in Togo

DiThomas Scalera

Dic 16, 2015

PONTELATONE1

PONTELATONE. Cena di beneficenza venerdì prossimo per raccogliere fondi necessari alla costruzione di un ospedale in Togo. A promuovere l’iniziativa in favore della popolazione sudafricana è il sindaco Antonio Carusone che, nella sua veste di medico volontario dell’associazione nazionale Aviat, ha già partecipato lo scorso mese di settembre ad una missione umanitaria in Togo, dopo le precedenti sempre nel continente africano realizzate negli anni scorsi, ed in vista della prossima esperienza da volontario che lo vedrà impegnato sempre nella capitale Lomè a marzo 2016. Nella piacevole cornice di villa Samuel, sarà possibile trascorrere una serata all’insegna della generosità e dell’amore per il prossimo, tramite l’acquisto di un mattone recante il nome del donatore che simbolicamente darà un contributo significativo per la realizzazione del villaggio ospedaliero di Togoville in favore di bambini, donne, anziani e di tutti i cittadini residenti in una delle nazioni più povere e arretrate dell’Africa intera. Una struttura fondamentale per assicurare un minimo di assistenza sanitaria alle popolazioni locali e le cure mediche necessarie agli ammalati con l’obiettivo di salvarne la vita e di ridurre drasticamente il tasso di mortalità, in Togo tra i più alti del continente. Dai vaccini alla prevenzione delle patologie dei più piccoli, fino alla pratica di talune branche mediche per le quali sarebbero sufficienti ovunque delle semplici attività ambulatoriali e che, invece, in quella parte del mondo sono troppo spesso cause di decessi e di malattie degenerative che affliggono indiscriminatamente l’intera popolazione.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru