Mer. Set 18th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Premiata l’associazione di Orta di Atella “Bambini speciali e simpatici”

4 min read

CASERTA. Il grazie di oggi è il grazie che dovremmo dire ogni giorno ma che non diciamo perché presi della frenesia della quotidianità”. Una frase carica di riconoscenza quella pronunciata due volte, a breve distanza, dalla  rappresentante del movimento internazionale della pace Agnese Ginocchio  durante la cerimonia di ieri pomeriggio nella storica location del Gran Caffè Margherita di Caserta. Oggi questa è la prima vera occasione per ringraziare coloro i quali mettono  il cuore  a disposizione della comunità  territoriale di Orta di Atella per i bambini speciali. L’ Associazione neonata “ Bambini speciali e simpatici” oggi rappresenta una  realtà associativa  che si occupa, dell’integrazione dei disabili ed autistici nella città di Orta. Oggi la  scuola, ma soprattutto le istituzioni ed il mondo sociale, devono offrire  così a chi non lo può fare autonomamente la possibilità agli operatori sociali di integrare questi ragazzi nella propria comunità, rispondendo dunque a una necessità indispensabile ai giorni d’oggi come sottolineato dallo stesso presidente della nuova  associazione Michele Pisano. Ieri Agnese Ginocchio ha affermato un concetto validamente  fondamentale: “Siete la dimostrazione che la vera integrazione  può essere portata avanti con quella passione che permette di fare sin da subito le cose in modo migliore” ha proseguito la rappresentante del movimento per la pace  rivolgendosi direttamente a Michele Pisano, la rappresentate  ha  focalizzato  poi in maniera espressivamente  particolare il simbolico  concetto di “passione” quale spinta vera  per  andare incontro alle esigenze degli altri. E’ questo, infatti, il sentimento che dovrà  muovere  i volontari della realtà associativa “Bambini speciali e simpatici” e che ha portato oggi il presidente a farsi carico di questa battaglia,  “integrando” con determinazione  questi ragazzi verso  pratiche sociali ed  innovative  dimostrando  quindi alle istituzioni che oggi loro  sono concretamente pronti ed in grado di migliorare la vita quotidiana.  Oggi afferma la Ginocchio  risulta essere importante  tutelare i diritti delle persone disabili, ed autistiche.  Ad essere insigniti del riconoscimento sono stati, anche gli altri due soci fondatori dell’associazione Vincenzo Russo, e Francesco Canciello. “La città di Orta di Atella  deve ringraziare questi valorosi genitori, oggi  se ci sono persone che hanno voglia di fare, si impegnano e in altrettanta misura se più unità si mettono insieme” ha affermato la consigliera direttiva del movimento Rosa Arbolino  “Orta deve essere fortunata: la  società deve tornare a vivere. Questo appuntamento ci permette di fermarci un attimo e dire grazie a quelle persone che ogni giorno, costantemente, mettono a disposizione il proprio tempo, le proprie energie, la propria intelligenza, persone di cui diamo scontata una presenza che invece non lo è. “Questi tre  personaggi che hanno creato questa realtà Michele Pisano, Vincenzo Russo, Francesco Canciello,  sono validamente  persone attente” afferma Rosa Arbolino,  le loro battaglie, sono  “una presenza costante, umile ma importante”.“Persone così sono  sempre necessarie  ma servono ancora altri giovani” hanno  invece sostenuto Rosario Cosimo amico della pace, e Gregorio Mozzillo socio dell’associazione “Bambini speciali e simpatici” i due hanno evidenziato l’importanza di questa cerimonia, ma soprattutto Rosario si è complimentato  per il “lavoro prezioso di chi fa la vera promozione della cultura della disabilità  un grande impegno quotidiano”. Questo concetto, quello espresso da Rosario risulta oggi afferma Pisano ben lontano dal panem et circenses dell’Antica Roma ma che si è invece imperniato sulla necessità, anche in questo periodo storico particolare come quello che stiamo vivendo, c’è la negligenza ad  investire sulla cultura “ oggi noi  siamo bestie” ma soprattutto  perché “in una città come Orta di Atella oggi risulta difficile essere  “civili” quindi è  necessario che le persone disabili ed autistiche abbiano la possibilità di istruirsi, di allargare le proprie conoscenze, di rilassarsi, ma soprattutto di svagarsi con valide strutture territoriali …” Nello specifico è stato elogiato pubblicamente lo sforzo compiuto dai tre fondatori Michele Pisano, Vincenzo Russo, Francesco Canciello  di impegnarsi affinché i  “Bambini Speciali e Simpatici” rappresentino per la società  un grande esempio di umanità e di speranza. Essi ci insegnano la forza di resistenza che si deve affrontare lungo le intemperie della vita, il valore della solidarietà, della compassione e della condivisione nel portare l’uno il peso dell’altro evidenzia la Ginocchio. La loro  causa oggi entra di diritto nelle tematiche della cultura della Pace”.  Pisano nel suo discorso finale ha ringraziato tutti, ma soprattutto si augura che  la sua valida  convinzione porti ad Orta un  processo di integrazione dei disabili   in grado di innalzare la qualità dell’esperienza  sociale di tutti gli individui, “abili” e “diversamente abili”, ed autistici sotto il profilo educativo, didattico, organizzativo, giuridico-amministrativo. In questa prospettiva, conclude Michele Pisano,  noi dell’associazione abbiamo buoni progetti, buone idee, buone norme che camminano nella direzione dell’integrazione, aggiungendo tasselli a questo ideale percorso, che si snoda intrecciandosi e identificandosi con quello dell’educazione attraverso l’istruzione e la formazione. Ci auguriamo noi del gruppo  associativo che si possa aprire un dialogo aperto e costruttivo con le istituzioni di Orta – insegnanti, studenti, genitori, dirigenti scolastici, professionisti dell’extrascuola, associazioni, ma soprattutto politici – ,   speriamo che si possa  arricchire sin da subito  il confronto, contribuendo  alla crescita di una cultura di condivisione e di valida  ricerca educativa e didattica.

Open