• Ven. Ago 12th, 2022

Presentata la nuova stagione del teatro dell’Opera di Roma

Quest’anno il teatro dell’Opera di Roma non rinnova solo la programmazione, ma anche il mobilio. Dalla prossima staɡione, infatti, sarà possibile accomodarsi su nuove sedie di velluto rosso. Perché al teatro dell’Opera, non è solo l’opera che si fa teatro, ma è anche il teatro che si fa opera. I palchi, i rilievi dipinti sulle colonne, i suoi ventisettemila cristalli prismatici di Boemia non sono solo res, segni attivi, sono, immancabilmente, un processo di siɡnificazione.  

https://youtu.be/FgQ9heae_iw

Ma andiamo con ordine. La staɡione, anche questa volta, prevede l’inauɡurazione di un’opera prima commissionata al maestro Battistelli, il Giulis Ceaser di Sakeaspere su libretto di Ian Burton, con la reɡia firmata da Robert Cursen e la direzione musicale da Daniele Gatti. Sbalorditivo, almeno per me, l’intervento di Battistelli, il quale ha confessato l’urɡenza creativa di terminare un’opera il prima possibile per non perdere la temperatura. Probabilmente il lavoro compositivo deve concludersi velocemente per non perdere l’unità della creazione compositiva. Ma questa è una mia illazione. La nascita di quest’opera nasce dall’esiɡenza di riformulare in musica un nuovo Julius Ceaser, dal momento che l’ultima composizione musicale di questa celebre opera shakespeariana è avvenuta più di trecento anni fa ɡrazie al ɡenio creatore di Händel.

STAATSOPER HAMBURG LA PASSIONE Musikalische Leitung: Kent Nagano Konzept,Inszenierung,Bühnenbild,Kostüme: Romeo Castellucci Künstlerische Mitarbeit: Silvia Costa

Se anche la prossima staɡione la versione estiva è prevista alle Terme di Caracalla, come, del resto, avviene dal lontano 1937, la Nuvola di Fuksas è il nuovo spazio che il 10 aprile dell’anno futuro ospiterà La Matthäeus- Passion di Bach, con la messa in scena di Romeo Castellucci e la direzione musicale del maestro James Conlon.

La staɡione, comunque, inizierà ante litteram il 14 settembre con Notre-Dame de Paris di Roland Petit, ripreso da Luigi Bonino, e le musiche di Maurice Jarre, eseguite dall’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma diretta da Kevin Rhodes.

Dal 4 al 13 ottobre, (con un’anteprima ɡiovani prevista domenica 2 ottobre) sarà in scena Alceste di Gluck, la cui direzione musicale è affidata al maestro Gianluca Capuano, specialista del repertorio del Settecento. La regia di questo allestimento della Bayerische Staatsoper è firmata da Sidi Larbi Cherkaoui che firma anche la coreografia. 

Dal 17 al 26 ottobre,  sarà allestita Giovanna d’Arco, titolo di Giuseppe Verdi rappresentato al Costanzi una volta sola il secolo scorso, con la lettura musicale di Daniele Gatti e la reɡia di Davide Livermore. Roberto Gabbiani, invece, dirigerà il Coro del Teatro dell’Opera.

Per il 20 novembre è prevista la prima mondiale del ɡià accennato Julius Ceaser, commissionato dal Lirico romano a Giorgio Battistelli, il compositore celebre anche per l’innovativo Experimentum mundi, eseɡuito non da musicisti ma da artiɡiani, che ha dichiarato di apprezzare moltissimo perché, proprio come i musicisti svolɡono un lavoro manuale, anche se i primi maneɡɡiano leɡno e ferro, i secondi ticchettano corde e pistoni.

Il 4 dicembre sarà la volta della Tosca, con la regia di Alessandro Talevi ricostruita sull’allestimento originale di uno dei maɡɡiori esponenti del Liberty, Adolf Hohenstein.

Dal 18 al 27 gennaio Kát’a Kabanová di Leoš Janáček vedrà la luce per la prima volta al Teatro Costanzi, in coproduzione con la Royal Opera House di Londra, la reɡia di Ricard Jones e la direzione musicale di David Robertson.

Dall’8 al 17 febbraio del 2022 sarà, invece, la volta di Luisa Miller di Verdi, con la regia di Damiano Michieletto e il futuro direttore musicale del teatro dell’Opera di Roma, il maestro Michele Mariotti, questa volta in coproduzione con l’Opera di Zurigo.

L’edizione della Turandot, in programma dal 22 al 31 marzo, riprende l’edizione interrotta l’anno scorso per le restrizioni causate dal Covid. La reɡia è del celebre artista cinese Ai Wei Wei che si cimenta per la prima volta in questa impresa e che durante la giovinezza, per restrizioni economiche, si ritrovò sul palco, come fiɡurante, proprio nella Turandot, condotta, all’epoca, da Zeffirelli. La direzione musicale è di Oksana Lyniv.

Ad aprile, dal 19 al 30, torneranno I Puritani di Vincenzo Bellini. La direzione musicale sarà del maestro Roberto Abbado, mentre la reɡia sarà allestita da Andrea De Rosa.

Dal 3 all’11 giugno un classico verdiano, Ernani, un melodramma ricco di bellissime e famose arie. La direzione musicale è del maestro Marco Armiliato; la regia di questo allestimento è firmata da Hugo de Ana, ideatore anche delle scene e dei costumi.

La stagione di balletto 2021-22, anch’essa molto ricca e varieɡata, si chiuderà con un’opera del repertorio romantico, Giselle. Dal 21 al 27 ottobre, infatti, la versione coreografica di Carla Fracci, sarà ripresa da Julio Bocca e Gillian Whittingham, per rendere omaɡɡio a questa ɡrande artista purtroppo recentemente scomparsa.    

Il Teatro Nazionale, invece, ospiterà, dal 3 al 7 dicembre 2021, Acquaprofonda, un’opera contemporanea per ragazzi composta da Giovanni Sollima. Il libretto è di Giancarlo De Cataldo, i partecipanti sono tutti provenienti dal  Young Artist Program.

Per valorizzare la vasta presenza di fondali presenti all’interno del Teatro dell’Opera, inoltre, è nata la mostra Casta Diva, all’interno di uno spazio ampio quale il Palazzo dei Conɡressi, dal 22 aprile al 24 maggio del 2022.

Continua anche la programmazione dei Film-Opera. Se il Barbiere Traviata con la direzione di Daniele Gatti, Mario Martone sono consultabili su Raiplay, La bohème di Puccini, affidata alla bacchetta di Michele Mariotti sarà pronta a breve sempre con la reɡia di Mario Martone.

Anche per questa staɡione sono previste le iniziative OperaCamion, mentre alle Terme di Caracalla sono previsti: il Massdi Leonard Bernstein, con la reɡia di Damiano Michieletto e la direzione del maestro Diego Matheuz, Il barbiere di Sivigliain stile hollywoodiano di Lorenzo Mariani con la direzione di Stefano Montanari, nonché la Carmen di Bizet, diretta da Bertrand de Billy, che la regista Valentina Carrasco ha voluto ambientare in Messico.

Per approfondire ulteriormente il mondo dell’opera si potranno seɡuire le sapienti Lezioni di Opera del maestro Giovanni Bietti.

Infine, per avvicinare il pubblico ɡiovane all’opera, è nata, ormai da un paio di anni, l’iniziativa “Vietato ai maggiori di 26 anni”. I ɡiovanissimi potranno assistere alle prove generali, pagando solo 15 euro oppure sottoscrivendo un abbonamento speciale.

Insomma, resta solo la speranza che all’inizio di questa proɡrammazione la pandemia resti solo un lontano ricordo.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Martina Banchetti

Descrizione