Dom. Nov 17th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

AGGIORNAMENTO.Presenzano. Iniziata la bonifica dell’area. Torna la Turbogas?

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Abbiamo sentito il sindaco Maccarelli, ci ha assicurato che neanche lui è al corrente si nulla. Non ci sono atti propedeutici del comune a questa iniziativa della Edison. Per maggiore chiarezza riportiamo la sua dichiarazione: “Informazione di servizio sulla questione Turbogas .

Da qualche giorno abbiamo notato la presenza di personale sull’area individuata per la (eventuale ) realizzazione della centrale Termoelettrica.
In assenza di qualsiasi informazione pervenuta al comune , abbiamo appurato , per il tramite della Stazione Carabinieri di Presenzano , che sono in atto solo delle operazioni di Bonifica del terreno da eventuali residui bellici .
Potrebbe essere un’attività limitata a se stessa o funzionale alla realizzazione dell’impianto .
In ogni caso ci stiamo adoperando per conoscere la realtà delle cose.
Siamo già in contatto con i comitati e attivisti .
Vi terremo aggiornati .”

PRESENZANO – In tempi non sospetti ve ne avevamo parlato, dando voce anche al grido d’aiuto del Sindaco Andrea Maccarelli, nel 2017. Ora pare che la tanto osteggiata turbogas sia diventata una cosa “operativa”.

Secondo quanto pubblica, infatti, Marco Cozzone, sul suo profilo privato Facebook. Non abbiamo altre notizie in merito, al momento il sindaco Andrea Maccarelli è irraggiungibile al telefono e speriamo di potergli parlare al più presto per avere un chiarimento.

La cosa certa è che in data 21 ottobre (2 giorni fa) sono iniziati i lavori come di vede dalla foto.

In realtà il testo recita “bonifica bellica”, ma secondo alcuni esperti che abbiamo contattato sarebbe uno step propedeutico all’inizio della costruzione della struttura che l’Edison piazzerà nel cuore dell’alto Casertano.

Cercheremo di approfondire la questione e di darvi al più presto notizie di quella che è per noi una notizia TERRIBILE che prende a schiaffi un territorio, diversi paesi, centinaia di attivisti e migliaia di cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close