• Lun. Lug 4th, 2022

Prezzi in rialzo sui grandi marchi, restano invariati i discount. Le conseguenze della guerra

photo of discount sign

Nelle ultime settimane, in concomitanza all’inizio della guerra tra Russia e Ucraina i consumatori abituali di grandi marchi di supermercati italiani hanno riportato un dato allarmante, una crescita eccessiva dei prezzi delle materie prime. Anche beni di prima necessità , quali pane, olio, farine, affettato, pasta. Tutto ormai ha subito un rialzo davvero enorme, considerando, soprattutto, il fatto che la guerra non è in Italia. Se dovesse arrivare anche qui allora cosa succederebbe ? Sempre più preoccupate le famiglie che stentano tra il caro gasoli e quello alimentare ad arrivare a fine mese. Per non parlare dei titolari di attività che devono fare fronte a spese insostenibili e sono costretti a loro volta a proporre prezzi differenti al cliente. Tutto questo in una cornice, quella italiana, già di per sé abbastanza critica. Bisogna però notare un dettaglio, su cui, molti consumatori si sono soffermati , i prezzi più alti li troviamo nelle grandi linee di supermercati mentre i discount sono rimasti invariati sostanzialmente. Quindi cosa c’è dietro? Chi deve guadagnarci ? Chi marcia sulla situazione europea di questo periodo storico ? Sono tutte domande legittime da parte del cliente finale che riceve la materia prima a prezzi esorbitanti e non può contare più sul marchio che ha sempre preferito. Siamo costretti tutti a cambiare anche il tipo di spesa che abbiamo sempre fatto. Anche perché le marche degli affettati, ad esempio, sono esattamente le stesse sia nel supermercato a marchio Decó o Conad che al discount ( MD o Eurospin) quindi non ha senso la disparità di prezzo che è stata rilevata. Sarebbe opportuno indagare sul perché di queste disparità di prezzo in un Paese come il nostro in cui il prezzo del gasolio per il trasporto delle merci è uguale per tutti.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Antonella Viccaro

1992 diplomata nel 2010 presso il Liceo Pedagogico e delle Scienze Umane di Vairano scalo. Autrice del romanzo " La bambina che ha conosciuto il ferro" 2019.