News

Prezzo del barile in aumento: probabili aumenti dei costi dei carburanti

Il blocco delle trattative con il Venezuela, le difficoltà di approvvigionamento del greggio dai territori in guerra permanente come Siria ed Iraq, le difficili relazioni diplomatiche con l’Iran e la “concorrenza di Turchia, Russia e Cina, hanno portato gli Stati Uniti d’America a dover correre ai ripari per quanto riguarda la salvaguardia dei propri profitti sulla vendita del petrolio. E dove non è possibile incidere più di tanto con la colonizzazione e la schiavizzazione delle terre sud americane e medio orientali, si passa alla forza dell’economia. In altre e più semplici parole, si alza il prezzo del greggio stesso. Infatti non si arresta la corsa al rialzo del prezzo dell’oro nero: i contratti Wti con scadenza a febbraio (quindi prossimi a una rinegoziazione) salgono a 63,43 dollari al barile, guadagnando 57 centesimi circa, mentre il Brent sale a 69,26 dollari al barile. I massimi storici da tre anni ad oggi. E si temono, anzi sono previsti aumenti ancora più consistenti nei prossimi giorni, con la possibilità di raggiungere picchi che comprometterebbero ancora di più tutto ciò che ruota intorno al prezzo del barile. In primis i carburanti, che potrebbero subire impennate di non poco conto già a partire dai prossimi giorni della prossima settimana. Una situazione che vede l’Italia, già tartassata per quanto riguarda il costo dei carburanti, gravati da una maggiorazione che non ha eguali né in Europa né nel Mondo, tra le prime a dover eventualmente subire le conseguenze di questo rialzo repentino, tornando ai livelli di qualche anno fa, sfiorando anche quota 2 euro a litro di benzina. Non è una predizione apocalittica ma semplice realtà. Se si continuasse con questa frequenza negli aumenti che stiamo vedendo in questi giorni, nel giro di pochi mesi ci ritroveremmo a fare i conti con una impennata dei prezzi carburanti che porterebbe all’aumento consequenziale di tanti servizi: dai trasporti alle industrie, passando anche per il settore primario legato alle attività agricole. chi può, compri una bella bicicletta, o inizi a pensare alle macchine elettriche. Oppure sperare in nuove guerre colonialiste e nelle selvagge trivellazioni del sottosuolo.

https://www.v-news.it/i-ricchi-del-mondo-ammazzano-ogni-anno-6-milioni-di-bambini/

https://www.v-news.it/spaccio-di-droga-e-petrolio-in-nome-di-allah/

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.