NewsPolitica

QUANDO ALMIRANTE ANDÒ AL FUNERALE DI BERLINGUER

Quando il Segretario del MSI Giorgio Almirante va a rendere omaggio a Enrico Berlinguer, scomparso a Padova l’11 giugno.

In quella calda giornata di giugno, Almirante si incamminò spedito verso la vicina sede nazionale del Partito Comunista Italiano.

Davanti al palazzone di via Botteghe Oscure una folla commossa, crescente, si accalcava in silenzio. Attendeva paziente di poter rendere l’ultimo saluto al segretario del partito.
Per questo, probabilmente, pochi fecero caso a quello smilzo signore coi baffetti. Nessuno deve averlo riconosciuto subito.
Anche perché nessuno avrebbe potuto immaginare quel che stava accadendo. Che cioè il nemico, il più distante e forse il più odiato avversario politico della sinistra comunista potesse trovarsi lì da solo. Almirante riuscì a mettersi in fila. Posizionandosi in una delle code formate da tutti quei militanti che aspettavano mesti di varcare l’enorme portone del Bottegone. Certo è che, improvvisamente, un brusio cominciò a levarsi. E che quegli uomini e quelle donne in attesa volsero lo sguardo verso lui, verso quell’uomo distinto e impassibile. Increduli molti. Stupiti.
L’efficiente servizio d’ordine del Partito di allora, individuato l’ospite inatteso ne diede subito notizia ai dirigenti del partito che stazionavano all’interno.
Qualche minuto e Giancarlo Pajetta fendendo la folla raggiunse Almirante e lo invitò a seguirlo.

Quattro anni dopo, proprio Pajetta guidò la delegazione del PCI che rese omaggio a Giorgio Almirante e Pino Romualdi, scomparsi il 22 maggio 1988: la Signora Nilde Iotti, Presidente della Camera, abbraccia Donna Assunta Almirante: “Sarebbe strano se stamani non fossi qui a rendere omaggio a suo marito. E’ stato un uomo politico impegnato in Parlamento, dove ha sempre tenuto un atteggiamento di grande correttezza.”
Dice Giancarlo Pajetta. “Era venuto a trovarci quando Berlinguer era come lui è oggi. L’ abbiamo ricevuto come qualcuno che capisce che oltre il rogo non c’ è ira. Siamo stati avversari, ma non nemici: avremmo potuto esserlo, ma le circostanze lo hanno evitato.” Pajetta parla a lungo anche con la figlia di Romualdi: “Suo padre solo qualche mese fa mi aveva detto di riguardarmi, di non stancarmi….”

Quel giorno, quel 13 giugno del 1984, il Segretario del Movimento Sociale Italiano, entrò per la prima ed unica volta nel palazzo della direzione del PCI e chinò la testa dinnanzi al feretro del Segretario comunista morto a Padova.
Un gesto forte. Di stima. Verso un avversario giudicato irriducibile, ma leale. Perché leali, seppur su opposte barricate, lo erano stati entrambi.

Almirante era Fascista, era stato uno che veniva dal regime, era il peggior nemico che il PCI potesse avere in quel momento, ma, nonostante tutto, il servizio d’ordine del Partito, organizzatissimo allora, lo protesse e lo scortò fino alla camera ardente.

Che questo sia d’esempio alla deriva violenta di oggi.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

What is your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Comments are closed.