• Ven. Ott 22nd, 2021

Rapina a mano armata: arrestato nonno rapinatore e scrittore

DiThomas Scalera

Gen 12, 2018

Sembra incredibile ma è realtà. Un uomo ha messo a segno una rapina in un ufficio postale e poi ne ha scritto un racconto che, al momento dell’arresto, ha consegnato ai carabinieri. L’uomo, di 68 anni, il 13 dicembre scorso aveva rapinato a Ponteranica, che si trova alle spalle della città di Bergamo, l’ufficio postale, minacciando il direttore delle poste italiane con una pistola a canna lunga alfine di farsi aprire la cassaforte, dalla quale si era fatto consegnare la somma in contanti di 650 euro. Oggi i carabinieri di Villa d’Almè lo hanno arrestato. L’uomo si chiama Vincenzo Santisi, bergamasco di Torre Boldone, ed e già noto per analoghi reati, tra cui rapine a mano armata e furti. L’arresto è scattato a seguito dell’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Bergamo al termine delle indagini dei carabinieri, dove sono state fondamentali le telecamere di videosorveglianza. Quando i carabinieri si sono presentati a casa sua, non solo Santisi ha ammesso le responsabilità, ma ha anche consegnato un manoscritto nel quale aveva raccontato nei minimi dettagli la rapina. Ecco il perché del richiamo alla scrittura nell’articolo. Chissà se invece di intraprendere la carriera di rapinatore, non avrebbe fatto meglio a darsi alla scrittura di racconti. Ad ogni modo, e non certo per giustificare tali tipi di gesti, sono molti gli ultrasessantacinquenni , spesso con piccoli precedenti ma anche non, che intraprendono la strada dell’illegalità e dei piccoli reati, pur di riuscire ad avere un sostentamento extra che gli consenta di vivere non solo con la pensione minima. L’altro rovescio della medaglia sono coloro i quali, nel pieno di una dignità che non gli consente la via del crimine, per analoghe circostanze sono costretti a rovistare nella spazzatura, per racimolare qualcosa che non sia a pagamento per sopravvivere. Le grandi città quelle più colpite da questa debacle sociale. Eppure, nell’immaginario collettivo, spesso è più apprezzato un “nonno-rapinatore” (seppur con la passione per la scrittura) che uno disposto a morire di fame, in nome della dignità e della correttezza. Stato, se ci sei, non puoi starci.

Cimitero comunale, vendita di loculi: 3 arresti

Truffavano i dializzati, intascati oltre 800 mila euro. Arrestati e beni congelati (IL VIDEO)

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru