• Lun. Gen 24th, 2022

Recale. Grande attesa per HalloWine a Villa Porfidia

DiThomas Scalera

Ott 27, 2015

12074868_10205296183270719_3150719587684722079_n

RECALE. Grande attesa per HalloWine a Villa Porfidia tra arte, cultura, degustazione, musica live e ovviamente del buon vino.
Fremono i preparativi per la lunga serata del 31 ottobre. Un imperdibile evento organizzato in un luogo di cultura e mistero, di cui pochi conoscono le reali origini. Villa Porfidia a Recale, sarà infatti scenario di un fantastico evento organizzato dalla Proloco “Nuova Recale” di cui è presidente Andrea Mastroianni: II° edizione del Festival diVino-HalloWine.
L’evento prevede, tra l’altro, una sezione per l’arte organizzata dall’associazione Terra del Sole.
Il ricco programma è così suddiviso:
ore 15.00 apertura cancelli dello stupendo giardino;
16.00 Halloween Bimbi;
18.30 Vernissage;
19.00 Musica live
dalle 22.00 parte la serata Halloween per adulti con tanta musica House live.
Pensato per tutta la famiglia, la manifestazione vuole rivolgersi ad adulti, giovani e bambini, con un insieme di eventi che ben si amalgamano tra loro. Si inizia nel pomeriggio, con la visita al giardino che richiama un po’ quelli della Reggia di Caserta. Nel frattempo i bimbi, vestiti per la serata di Halloween, possono intrattenersi nel grande cortile insieme agli animatori.
Il pomeriggio prosegue con il Vernissage alla presenza del sindaco di Recale, dott.ssa Patrizia Vestini e l’assessore alla Cultura. La mostra, organizzata dalla giornalista Laura Ferrante, prevede musica live e lettura di poesie. La serata ha inizio con il concerto live del gruppo musicale Costyband & Salvatore Turnaturi alle ore 19,00 con la possibilità di degustare vini pregiati e prodotti locali cucinati in loco, dalle 22.15 circa la band lascerà il posto alla musica house con il Dj. Pako di Radio Marte. E si balla. Ingresso gratuito.
La Villa
Le origini di Villa Porfidia, localmente nota come “Torre”, in primis “Real Castello Borbonico”, si fanno risalire alla fine del ‘700. In effetti si tratta più di un palazzo-roccaforte che residenza estiva della famiglia reale, legato alla particolare ubicazione territoriale del primitivo nucleo abitato di Recale, nei pressi dell’importante consolare Appia antica.
Per circa un secolo la Torre fu dominio dei Borboni, finché nel 1860 passò al duca Bovino; periodo in cui quadri, sculture marmoree, mobilio e suppellettili di gran pregio artistico furono trasferiti in uno dei palazzi Foglia a Marcianise. Solo nel 1936 l’interessante palazzo fu venduto alla famiglia Porfidia di Recale, ancora oggi proprietaria.
E’ interessante notare che, per decreto di Ferdinando IV di Borbone, la nobile famiglia ebbe la possibilità di sfruttare a titolo gratuito una derivazione dell’Acquedotto Carolino. L’acqua, raccolta in una cisterna ancora visibile nel giardino in prossimità del muro di cinta, serviva ad alimentare i numerosi giochi d’acqua della villa.
La villa, ubicata ai margini orientali del nucleo abitato, conserva ancora oggi una certa autonomia rispetto ad esso, essendo nella quasi totalità circondata dalla fiorente campagna recalese. Il corpo di fabbrica principale, dominato da una poderosa torre angolare, si affaccia sull’irregolare Piazza della Repubblica, dove si eleva altresì un’interessante chiesa del 1583 affiancata da un’esile campanile. Il palazzo, dotato di un vasto parco, occupa una superficie di oltre 20.000 mq., articolandosi in un corpo piuttosto compatto a corte interna; qui, androni, porticati, loggiati ed ampie vetrate, definendo la spazialità del complesso, offrono suggestivi scorci prospettici.
Il lungo viale ovale nasconde molti segreti, come i due laghetti ricoperti di foglie e fiori, le antiche panche in pietra, la camelia viola e tante sorprese.

31 ottobre 2015
piazza Della Repubblica (o via Torre) – Recale
info: 3280410009 – 3401368046
Per la mostra: 3292907519

CS

11219591_10205296183950736_4972194692130470948_n

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru