• Lun. Ott 18th, 2021

Recale. Sicurezza del territorio, Vestini: "Il prossimo anno un concorso per l’assunzione di nove vigili urbani"

DiThomas Scalera

Mag 16, 2017

RECALE. La sicurezza del territorio rappresenta una priorità nell’agenda politica del sindaco di Recale Patrizia Vestini. Il primo cittadino, sin dal giorno del suo insediamento, ha messo in campo iniziative tese a presidiare il territorio. «Per rendere ancor più incisiva la nostra azione – ha specificato il sindaco – è necessario aumentare il numero delle forze impegnate nel controllo del territorio. E’ per questa ragione che nel 2018 bandiremo un concorso per potenziare l’organico della nostra polizia municipale. In particolare saranno nove i posti a disposizione che metteremo a concorso per garantirci nuove risorse umane da destinare al presidio della nostra città. Aumentando l’organico della polizia municipale sarà più semplice prevenire episodi di microcriminalità garantendo una maggiore serenità alle famiglie di Recale. L’assunzione di nove vigili urbani rappresenta la prova dell’ottimo lavoro svolto dalla nostra amministrazione in materia finanziaria. Abbiamo, infatti, bonificato i conti riuscendo ad individuare le risorse per l’assunzione di un numero elevato di figure per un comune come quello di Recale. Le buone pratiche portano sempre a buoni frutti».

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru