• Mer. Ott 20th, 2021

Recensione: Bryan Adams – Tracks of my years (2014)

DiThomas Scalera

Ott 22, 2014

bryan-adamsAvreste mai pensato di sentire un big della musica internazionale, reinterpretare brani storici di altri artisti della scena mondiale? Ebbene si: di ritorno sulle scene musicali dopo sei anni di taciturna assenza, Bryan Adams fa parlare di se con il suo nuovo album Tracks of my years. Un titolo poco originale, nascosto sotto certi aspetti dietro un velo di banalità, potrebbe lanciare un messaggio a tutti i fans dell’artista canadese, conosciuto in tutto il mondo e amato da milioni e milioni di persone: che il suo battito artistico si sia spento per sempre? Questo non ci è dato saperlo, ma dietro un lavoro simile potrebbe esserci tanto una trovata commerciale quanto un’imposizione discografica. Queste sono alcune supposizioni che, dietro il nome Bryan Adams, possono essere anche tralasciate e perdonate.

track of my yearsUn album nostalgico che parla di se già dalla copertina, che ritrae un giovanissimo Bryan Adams dai capelli lunghi. In tutto sono undici i brani proposti in Tracks of my years: dieci cover dei successi intramontabili della scena musicale internazionale, più un inedito, She knows me, che regge a pieno merito il confronto con le hits storiche, entrando a pieni voti nei brani più piacevoli della sua discografia.

Beatles, Ray Charles, Chuck Berry, Bob Dylan, Beach Boys; questi solo alcuni degli artisti approfonditi da Bryan che, all’altezza dei suoi colleghi, interpreta alla perfezione brani come Any time at all, I Can’t stop loving you, Lady lady lay, Sunny, di Bob Hebb, God only knows. Questi titoli, giusto per citare i brani più famosi presenti nell’album, riescono in un certo modo a comporre un quadro generale dell’ispirazione di Bryan Adams, che in questo album, oltre all’inedito, ha preferito non proporre nessuna delle sue hit storiche, lasciando spazio ai suoi brani preferiti che spaziano dagli anni ’50, fino agli anni ’70.

Un risultato finale più che apprezzabile.

TRACKLIST

Any time at all
She knows me
I can’t stop loving you
Kiss and say goodbye
Lay lady lay
Rock and roll music
Down on the corner
Never my love
Sunny
The tracks of my tears
God only knows

<<<CLICCA E ASCOLTA TRACKS OF MY YEARS SU SPOTIFY>>>

track of my years

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru