• Dom. Ott 17th, 2021

SUBSONICA: Una nave in una foresta – Recensione

DiThomas Scalera

Set 25, 2014

subsonica-coverUscito il 23 settembre 2014, “Una nave in una foresta” è il nuovo album dei Subsonica. Ci sono voluti tre anni, esperienze parallele e voglia di raccontarsi, per mettere in piedi un album capace di smentire e sorprendere le voci di chi inneggiava al declino creativo e artistico della band piemontese che, dopo Eden, album molto pop che ha disincantato anche i fan più accaniti, sembra essere tornata alle sue origini. Risulta difficile riuscire a collocare “Una nave in una foresta” in un solo genere: si passa dall’elettronica alla dub, si salta sulle note rock fino a ballare sull’energia del d&b, il tutto in chiave pop. Tempi dispari, bpm che smuovono i corpi e sonorità fuori da ogni schema, testi profondi ed empatici, legano questo settimo album, estremamente concettuale, allo stile marchiato Subsonica. È un album che parla di tutto e parla di niente, a partire dalle tematiche più rilassate (Ritmo Abarth), agli argomenti di spessore (Specchio, chiaro riferimento all’anoressia); c’è l’incertezza sulle sorti del mondo (Il Terzo Paradiso), calore e trasgressione (Di Domenica), malinconia e disagio (la titletrack). Più che di tematiche, si potrebbe parlare di stati d’animo, stati d’essere molto razionali e poco individualisti. C’è da dire che i Subsonica, sui suoni, non si sono risparmiati affatto: la maggior parte delle tracce, infatti, è colma di eccessivi stimoli sonori che, alla lunga, potrebbero stancare anche l’orecchio più allenato. È forse per questo motivo che l’album ha bisogno di essere ascoltato almeno un paio di volte per essere metabolizzato del tutto; basta ascoltarlo profondamente, per affezionarcisi immediatamente, e per comprendere la rivoluzione artistica che fa da legante alle dieci tracce di un lavoro che, con totale certezza, non ha nulla a che fare con la corrente mainstream italiana. Nonostante le lievi congiunzioni alle sonorità dei Daft Punk nel caso de “Il Terzo Paradiso(con Michelangelo Pistoletto) , di matrice simile a “Giorgio By Moroder”, l’album può rappresentare tranquillamente la stele di rosetta mediante la quale interpretare i linguaggi, le visioni, la mentalità e gli sperimentalismi sonori dei Subsonica.
“Una nave in una foresta” potrebbe essere la metafora perfetta dell’uomo moderno, un uomo rinchiuso e decontestualizzato nel proprio mondo fatto di dubbi, incertezze, caos e riflessioni.

Un album che vale un’esperienza di vita; promosso a pieni voti.

Questa è la tracklist di “Una nave in una foresta”

  1. Una nave in una foresta
  2. Tra le labbra
  3. Lazzaro
  4. Attacca il panico
  5. Di domenica
  6. I cerchi degli alberi
  7. Specchio
  8. Ritmo Abarth
  9. Licantropia
  10. Il terzo paradiso

 

Clicca qui e ascolta “Una nave in una foresta” su Spotify

subsonica-cover

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru