• Mer. Ott 20th, 2021

Regeni, la procura di Roma: “Ucciso per il suo lavoro da professionisti della tortura”

DiThomas Scalera

Feb 26, 2016

giulio-regeni
Il ricercatore faceva una vita tranquilla: niente droghe, né frequentazioni “strane”. Il pm Colaiocco continua a chiedere alle autorità egiziane il fascicolo completo, ma dal Cairo per ora solo ipotesi fantasiose
Giulio Regeni è stato ucciso per il suo lavoro di ricercatore e chi lo ha fatto è un “professionista” della tortura. La procura di Roma mette un punto fermo sulla tragica scomparsa del ricercatore di Cambridge. Tutte le ipotesi più o meno fantasiose fatte circolare in Egitto, dalla criminalità comune alla rapina, sono da scartare. L’Italia prova a fare la voce grossa per raggiungere la verità su quanto è successo a Regeni dopo la sua scomparsa del 25 gennaio scorso al Cairo.
L’ultima calunnia riguarda una fantomatica pista legata alla droga. Regeni, come è emerso dall’autopsia, non ha mai fatto uso di droga. Era legatissimo alla sua fidanzata quindi anche eventuali piste passionali sono da escludere. I segni lasciati dagli assassini sul corpo di Regeni fanno propendere gli inquirenti italiani verso una sola certezza: si tratta di professionisti della tortura.
L’esame del pc di Giulio non ha dato riscontro nemmeno alle voci che lo volevano collaboratore di servizi segreti. Le uniche informazioni raccolte riguardavano la sua attività di ricercatore sui sindacati egiziani. Gli inquirenti in queste ore hanno fatto richiesta ai maggiori social network per avere le password dei suoi account e risalire anche ai suoi spostamenti, anche se il cellulare del giovane non è stato mai ritrovato. 
Il pm Sergio Colaiocco, intanto, aspetta da tre settimane l’intero fascicolo relativo a Regeni dagli inquirenti egiziani. Le testimonianze, i filmati delle telecamere, i referti della prima autopsia effettuata al Cairo, i tracciati delle celle telefoniche, ma ancora non ha ricevuto nulla di tutto questo. In mano agli investigatori italiani per ora c’è solo il suo pc e il referto della seconda autopsia fatta in Italia.
Fonte: fanpage.it

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru