• Sab. Ott 16th, 2021

Riardo-Casale, gli scontri durante la partita. Montalto: “Non è stata colpa nostra”

DiThomas Scalera

Gen 6, 2017

RIARDO – Proprio ieri abbiamo trattato il caso della presunta rissa avvenuta durante la partita di coppa Campania tra H2O Riardo Soccer e Casale 1964

Secondo quanto riportato da un comunicato stampa della società casalese ci sarebbe stato un vero e proprio “incontro di boxe”. Su questo argomento interviene il Direttore Sportivo del Riardo, Maurizio Montalto: “Niente di quello che ho letto è vero, si c’è stata qualche scaramuccia iniziata dai dirigenti del Casale che hanno lanciato una bottiglia verso la nostra panchina e questo ci ha fatto andare un po’ in escandescenza, ma il tutto è durato 2 o 3 minuti. Nessuno si è toccato, nessuno è stato picchiato, d’altronde basta considerare che l’arbitro non ha allontanato nessuno dalle panchine. Sono cose che capitano, d’altronde quando si perde in maniera così netta (la partita è finita 4-1 ndr) ci può stare che saltino i nervi. Speriamo che questa non sia una scusa per ricevere un trattamento “particolare” nella partita di ritorno. Siamo fiduciosi”.

Maurizio Montalto -DS H2O Riardo Soccer

Discorso chiuso quindi, scaramuccia tra panchine come se ne vedono tante.

Noi che amiamo lo sport, però, vogliamo ricordare, invece, Antonio Canzano, autore di una tripletta, un “evergreen” che ha realizzato una grandissima partita.

“Vedere un ragazzo di quasi 40 anni realizzare 3 gol di cui uno da tre quarti con un pallonetto a giro è davvero straordinario. Di questo dovremmo parlare, non di altre cose che non interessano a nessuno” – ha chiuso Montalto.

Speriamo solo che al ritorno trionfino sport e fair play.

Antonio Canzano – Capitano del Riardo e autore di una tripletta
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru