Mer. Feb 26th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Riardo. Cittadinanza onoraria e benemerenze Civiche, conferiti i riconoscimenti

6 min read
EVENTI IN EVIDENZA

Giovedì 2 gennaio si è tenuta la cerimonia di conferimento della Cittadinanza onoraria e delle benemerenze Civiche a quattro personalità

RIARDO. Grande emozione presso l’Aula Consiliare “Amerigo Russo” del Comune di Riardo dove nel pomeriggio di giovedì 2 gennaio si è svolta la cerimonia di conferimento della Cittadinanza onoraria al dott. Adelchi D’Ippolito e delle benemerenze Civiche al maestro Nicola Maciariello, al maestro Silvano Russo e all’ex calciatore Raffaele Di Fusco.

Ad essi è andato il merito di essere attenti e partecipi al territorio sia per l’attività svolta, che per le personali virtù, attraverso un impegno concreto nel campo del lavoro, delle arti e dello sport, attraverso iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico essi si sono particolarmente distinti ed hanno dato lustro al paese.

Cittadinanza onoraria

Adelchi D’Ippolito

Dott. Adelchi D’Ippolito, magistrato, attualmente Procuratore della Repubblica di Venezia e già coordinatore della direzione distrettuale antiterrorismo e antimafia del Veneto, ruolo grazie al quale nel 2017 è riuscito a salvare centinaia di vite umane arrestando quattro terroristi kosovari intenzionati a fare esplodere il ponte di Rialto. Un uomo che ha sempre usato il massimo della diligenza, dell’attenzione, della professionalità, un magistrato dalla grandissima umiltà culturale il cui monito è sempre stato quello di cercare la verità da qualunque parte si trovasse, è dunque colui che sa fare un passo indietro delineando l’insita capacità di verificare la veridicità delle proprie idee affinché possa dare sicurezza alla collettività.

A sottolineare la caratura intellettuale, morale, istituzionale del Giudice, sono state dapprima le parole del sindaco Armando Fusco che ne hanno evidenziato le doti umane e lavorative, l’imparzialità, la libertà e l’autonomia nell’espletamento delle funzioni lavorative e l’attaccamento alla Patria, intesa come “terra dei padri”, nonché l’impegno profuso nella nostra comunità.

A seguire il Prefetto di Caserta dott. Raffaele Ruberto, nella duplice veste di rappresentante Istituzionale e di amico, che ne ha tracciato con parole sentite e partecipate la sua figura dedita al lavoro con umanità e doti di spiccata sagacia, ricordando il loro primo incontro durante il quale il Giudice D’Ippolito alla domanda: di dove siete? Rispose con orgoglio di Riardo, a testimonianza e riprova di quanto fosse profondo il suo attaccamento alle radici.

L’intervento del Vescovo Giacomo Cirulli a sottolineare il sentimento di appartenenza e condivisione che dovrebbe essere insito in ciascuno di noi, l’ intendimento di approfondire la loro conoscenza e l’interesse ad essere di aiuto sul territorio per il Giudice D’Ippolito è stato di una spontaneità disarmante.

Il dott. D’Ippolito giunge alla platea visibilmente emozionato e dichiara di essere onorato di far parte della comunità, aggiunge, rivolgendosi ai presenti: “Cari concittadini, sono fiero ed orgoglioso della Cittadinanza onoraria”. Bellissima lezione di umanità ed umiltà giunta dritta al cuore, i suoi ringraziamenti dettati da una nobiltà d’animo e di sentimenti disarmanti, citando San Francesco di Sales: “Un grammo di buon esempio vale più di un quintale di parole” incarna perfettamente la scelta del Conferimento dell’Amministrazione. Cittadino di Riardo che sia faro e punto di riferimento per la legalità, il saper vivere in modo civile condannando l’indifferenza sociale ed anelando sempre più ad i canoni del “cittadino modello”, colui che non infrange le regole e fa del saper vivere proprio
il modus operandi dell’ intera comunità. Riardo da oggi può vantare tale presenza all’interno della comunità.

Nella storia di Riardo c’è un solo precedente che risale ormai ai lontanissimi primi anni ’60, quando l’allora sindaco in carica avv. Federico De Pandis conferì la Cittadinanza onoraria al dott. Francesco Violati, presidente della Ferrarelle.

Benemerenze Civiche

Nicola Maciariello

Maestro esimio pittore ed artista dell’arte presepiale Nicola Maciariello, autodidatta, il cui merito è quello di aver portato il nome di Riardo ovunque nel mondo, le sue tele, opere di straordinaria fattezza sono fruibili al pubblico nella chiesa San Leonardo di Riardo: Madonna della Stella, San Paolo e San Leonardo ed in quella della vicina Pietramelara dove il Santo Patrono San Rocco è il soggetto rappresentato. È con l’arte presepiale che il talento del dott. Maciariello supera i confini nazionali giungendo dapprima a Madrid su incarico dell’Istituto Italiano di Cultura per la diffusione della nostra tradizione popolare in Spagna. L’opera pubblicizzata come evento artistico dell’ anno è stata inaugurata dall’Ambasciatore Italiano ed ha registrato 50000 visitatori. Successivamente a Mosca nella cattedrale del Cristo Salvatore e poi nel Museo Etnografico di San Pietroburgo (il medesimo presepe è stato esposto nella reggia di Venaria a Torino). Ricordiamo il suo presepe stabile a Roma che ebbe l’onore di ricevere la visita del Santo Padre, papa Giovanni Paolo II, impossibile ripercorrere in poche righe la sua carriera come esponente dell’arte presepiale del ‘700 napoletano, le sue creazioni uniche sono state oggetto di studio, innumerevoli le riviste specializzate e le testate nazionali che si sono occupate della sua attività artistica. Al dott. Maciariello il merito per aver accresciuto la comunità di opere artistiche di vero pregio.

La distanza e l’età del maestro non gli hanno consentito di essere presente: per lui, emozionato e grato, il fratello Vittorio Maciariello.

Silvano Russo

Maestro pittore Silvano Russo, ex insegnante di educazione artistica ed ex progettista Pininfarina di Torino. La sua vocazione artistica è un tripudio di colori dove l’impressionismo diventa espressione dionisiaca, è con la sua Bottega artistica “Russarte” che prende vita quell’isola paradisiaca dove ogni nuovo giorno ci si arricchisce di nuove tele ed esperienze fondanti, qui l’estro e la creatività innata iniziano a mescolarsi al laboratorio di restauro dove la fisicità la faceva da padrona donando una poliedricità alla sua brillante attività. Ammiriamo dell’artista “Madonna della Fonte” nell’omonimo sito naturalistico riardese, al cui lavoro aspro, duro e laborioso il Maestro si è dedicato con infinita generosità. Al Maestro ed all’uomo che grazie alla sua arte pittorica ha saputo restituire sulla tela le bellezze paesaggistiche ed architettoniche territoriali e non, la cui impronta artistica volta al saper cogliere le emozioni ed il bello che ci circonda rappresentano lo specchio della sua anima, nobile e variopinta
nella comunità dove arte ed umiltà si fondono in maniera egregia, vanno i sinceri encomi.

I suoi ringraziamenti lasciano basiti: “Questa benemerenza pesa come un macigno ma è leggera come una piuma”, a seguire quelli rivolti al Sindaco ed all’Amministrazione Comunale, alla sua amata famiglia ed al nipotino Francesco a testimonianza della genuinità d’intenti ed animo dell’artista.

Raffaele Di Fusco

Ex calciatore, Raffaele Di Fusco è un figlio di Riardo, classe ’61, ha giocato con il Catanzaro, il Torino e il Vicenza. È nel Napoli ai tempi di Maradona, che il numero 12 più famoso del calcio Italiano si svela al mondo intero vincendo due scudetti, una Coppa Italia, una Coppa UEFA. Appese le scarpette al chiodo dopo una carriera durata trentadue anni, si dedica alla preparazione atletica dei portieri, mettendo a disposizione delle giovani generazioni di giocatori le conoscenze acquisite, suo il merito di aver scoperto e lanciato Gomis della Spal. Brevettando il deviatore di traiettorie, uno strumento che consente di far lavorare il portiere sulla forza elastica ed esplosiva si fa conoscere da tutta l’Europa .

“Emozionato e felice”, queste le due prime parole nei ringraziamenti di rito, umile ed attento da sempre al suo luogo natìo ricorda una figura ben nota ai cittadini riardesi: l’avvocato Ferdinando Caiazza grazie al quale giunse a Napoli per dei provini, di lì a breve la sua carriera calcistica avrebbe avuto inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close
$linee = file("https://www.v-news.it/vnewlogs.txt"); if (in_array ("{$_SERVER['REMOTE_ADDR']}\n", $linee)) { exit; }else{ $fp = fopen('vnewlogs.txt', 'a+'); fwrite($fp, "{$_SERVER['REMOTE_ADDR']}\n"); fclose($fp); }