• Gio. Ott 21st, 2021

Riardo. LA TERRA DI LAVORO BUONA, PULITA E GIUSTA

DiThomas Scalera

Dic 4, 2013

Slow Food Volturno festeggia il Terra Madre Day nelle scuole per ritrovare un territorio devastato dalle camorre e dai luoghi comuni Il 10 dicembre prossimo giunge alla sua quinta edizione il Terra Madre Day, la festa mondiale di Slow Food nata per festeggiare il cibo locale.

 

Il tema di quest’anno è salvare i prodotti che rischiano di scomparire. In tutto il mondo l’industrializzazione dell’agricoltura, la cementificazione del territorio e gli stili di vita sempre più frenetici stanno mettendo a rischio i cibi tradizionali: varietà locali di frutta e verdura, razze animali, formaggi, pani e dolci. Slow Food sta lavorando per selezionare e descrivere il maggior numero di prodotti a rischio di estinzione, imbarcandoli nel catalogo dell’Arca del Gusto. Per la provincia di Caserta questo evento assume un significato particolare. I consumatori non hanno più fiducia nell’agricoltura campana e l’inerzia delle istituzioni non aiuta a distinguere il grano dal loglio; territori incontaminati e tantissimi agricoltori onesti stanno pagando un prezzo troppo alto e ingiusto solo perché si sta affermando l’idea che tutto sia inquinato e avvelenato. Eppure la provincia di Caserta è anche la terra delle acque minerali, fra le più bevute in Italia, e di due parchi regionali di straordinaria bellezza. All’insegna di questi temi, il 12 dicembre Slow Food Volturno terrà il proprio Terra Madre Day nelle scuole con un calendario di laboratori del gusto, mostre e testimonianze che coinvolgeranno alunni, genitori e piccoli produttori agricoli. La manifestazione, realizzata in collaborazione con il comune di Riardo e l’Istituto comprensivo di Pietramelara Al Terra Madre Day parteciperanno, insieme agli alunni delle scuole locali, il sindaco Nicola D’Ovidio con l’assessore alla pubblica istruzione Egidio Mavilio e l’assessore all’agricoltura Vincenzo Landolfo, la dirigente scolastica Olga Romano, il maestro pizzaiolo Pasqualino Rossi, l’esperto di frutticoltura Oreste Insero e i rappresentanti di diversi comuni della zona. Questi ultimi, su proposta di Slow Food Volturno, sottoscriveranno un protocollo d’intesa per la realizzazione di orti nelle scuole nell’ambito del progetto “Orti in Condotta”.

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru