Sab. Ago 24th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Riardo. Scritte del XIX secolo nel castello, la scoperta del Prof. Giuseppe Angelone

2 min read

13406898_10156874359180276_4504406104119345793_n

RIARDO. Scritte risalenti alla metà del XIX secolo all’interno del castello di Riardo. Le ha scoperte il Prof. Giuseppe Angelone, docente di Cinema, Fotografia e Televisione alla Seconda Università degli Studi di Napoli. Lo storico e ricercatore del Dipartimento di Lettere e Beni Culturali, domenica pomeriggio, durante una visita al piano nobile del maniero, reso fruibile di recente, ha individuato per puro caso numerose scritte, pensieri e firme lasciate a partire dalla metà del secolo XIX nella torre orientale del castello. Alcune di queste sono riferibili al passaggio delle truppe alleate americane, canadesi e neozelandesi durante la Seconda Guerra Mondiale, dirette a Cassino per combattere i soldati tedeschi sulla linea difensiva Gustav, nella prima metà del 1944. Si tratta di una scoperta molto interessante sul piano storico, antropologico e socio-culturale.

“Sono andato a guardare nelle torri, che prima non erano visitabili, perché un’esperienza del genere mi era già capitata sul castello di Vairano Patenora giusto 20 anni fa – afferma Angelone – Anche lì, individuai numerose firme apposte dai soldati alleati agli inizi del 1944. Quindi, ero sicuro di trovare qualcosa anche a Riardo. Credo ci siano almeno una cinquantina di iscrizioni, da metà ‘800 fino agli anni 80 del ‘900. Oltre alle consuete “dichiarazioni d’amore” ci sono numerosi ricordi di visite effettuate al castello nel corso degli ultimi 150 anni circa. Il sindaco si è già dichiarato disponibile a censirle e conservarle con le modalità che saranno più consone a questo scopo, nel corso del futuro restauro del piano nobile del castello” conclude il Professore.

Tra l’altro, si nota anche qualche graffito che potrebbe essere più antico, ma bisogna effettuare una verifica specifica e più approfondita su quest’altro aspetto. Graffiti di età medievale e moderna sono presenti pure nei castelli di Prata Sannita, Marzano Appio e Calvi Risorta. Questo dimostra che l’alto Casertano è da sempre una zona geografica ricca di testimonianze storiche. Ovviamente si tratta di dati che, nell’ottica di una ricostruzione della storia sociale, possono essere significativi.

Le foto:

13394199_10156874359145276_5021817131668971271_n

13434857_10156874359275276_3750385904900559154_n

13445228_10156874359745276_5383032015095908015_n

13435504_10156874359720276_370113442554182231_n

13406898_10156874359180276_4504406104119345793_n

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbe interessarti

Open