• Lun. Ott 25th, 2021

Riardo. ‘Terra bruciata’, Riardo ancora una volta protagonista in un film

DiThomas Scalera

Apr 29, 2015
11198438_10206762830538032_646276357_n
foto Giuseppe Paolisso

Riardo. Lo scorso sabato 25 aprile, in occasione della Festa della Liberazione, il Comune di Riardo ha ospitato alcune riprese di ‘Terra bruciata’, un film documentario sulla Resistenza del regista Luca Gianfrancesco. L’amministrazione comunale, capeggiata dal Sindaco Nicola D’Ovidio, ha deciso in questo modo di celebrare la Festa della Liberazione. Le scene, girate nel borgo antico di Riardo, hanno riguardato un importante episodio legato alla Resistenza che vide come protagonisti un gruppo di cittadini riardesi che, nel lontano ottobre del 1943, armati e con grande coraggio, riuscirono a contrastare un distaccamento di soldati tedeschi, salvando la vita ad alcuni combattenti americani giunti in paese. L’episodio citato, uno dei più significativi casi di Resistenza da parte di civili dell’Alto Casertano, è stato riportato alla ribalta grazie all’impegno di Giovanni Cerchia, Professore di Storia Contemporanea dell’Università degli Studi del Molise. Inoltre, è stata allestita una mostra fotografica all’interno della Sala delle scuderie dell’imponente castello di Riardo, a cura di Giuseppe Angelone, Professore di Cinema e Fotografia alla Seconda Università di Napoli. La mostra, attraverso fotografie dell’epoca, ha documentato il passaggio del fronte nel 1943. E’ la seconda volta in meno di un anno che Riardo viene scelto per girare riprese di film, seppur molto diversi tra di loro. La scorsa estate, infatti, furono girate gran parte delle scene della commedia ‘Ci devo pensare’ di Francesco Albanese (uscita nelle sale cinematografiche il 9 aprile) all’interno della Fiera del Mobile. Dopo l’acqua minerale, un altro vanto per il piccolo paese di Riardo.

11198798_10206762830458030_1581361036_n
foto Giuseppe Paolisso
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru