Mar. Ott 15th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Rifiuti, Orta di Atella è emergenza ambientale tra cassonetti stracolmi ed immondizia in strada

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

ORTA DI ATELLA. Cumuli di spazzatura che invadono le carreggiate, con le auto che fanno la gincana tra i rifiuti. Strade ammorbate dal puzzo dei sacchi di immondizia accatastati  quotidianamente. Orta di Atella è in ginocchio. Trasformata in una vera discarica a cielo aperto. Ieri mattina la cittadinanza si è svegliata con una manifestazione pacifica per dire basta ai rifiuti in strada.  I cittadini hanno chiesto ieri mattina  al commissario prefettizio Vincenzo Lubrano di attivare sin da subito il servizio di pulizia nelle strade. La situazione è diventata insostenibile – dicono i cittadini – la spazzatura è ovunque. Tra un po’ sarà impossibile anche circolare con le auto perché i sacchetti invadono la carreggiata. È da circa un mese che viviamo in queste condizioni, ormai è emergenza sanitaria. Sono spuntati anche i topi». La protesta di  ieri mattina è partita davanti al Municipio di Orta, i cittadini hanno sposato la causa dei 51 operatori ecologici rimasti senza lavoro per la sospensione lavorativa del Cite. Una situazione disastrosa che per ora non vede una fine, questa classe politica non ha mai avviato tra i cittadini una seria raccolta differenziata. Il risultato di oggi è sotto gli occhi di tutti:  sacchetti di indifferenziata stazionano nei cassonetti, impianti mai definiti, città sporca  ospita  abitanti  in un clima di rassegnazione. E mentre il Cite si trova   al collasso, fra presunte ideologie e pragmatismo esasperato, assistiamo  basiti  a un tutti contro tutti, fra scienziati  burocrati, e  politici  immersi  fra rompicapo che da decenni paralizzano la  città di Orta di Atella  senza che nessuno trovi soluzioni».

Orta di Atella. Cantiere dei rifiuti, lavoratori ancora senza stipendi. La Flaica CUB: “Assurdo!”

Orta di Atella. Cantiere dei rifiuti, richiesto un incontro urgente in Prefettura

Open