• Dom. Nov 27th, 2022

XVI Salone nazionale del vino novello (Roccamonfina, 13 novembre 2022)

Il Salone nazionale del vino novello, l’unico evento nazionale che coinvolge tutte le cantine produttrici di vino novello da ogni regione d’Italia, per la XVI edizione ha scelto la Campania e nello specifico il territorio di Roccamonfina.

Ogni anno l’evento, nato presso il Campus dell’Università della Calabria,  è stato svolto all’interno di location di importante rilevanza storico architettonica come il Castello Svevo di Cosenza o l’Abbazia Florense di San Giovanni in Fiore (CS), per portare avanti un discorso di turismo esperenziale che passa dalla valorizzazione dei luoghi e dei territorio insieme a quella delle tipicità enogastronomiche.

L’edizione 2022 si svolgerà all’interno del Chiostro del Convento della Madonna dei Lattani a Roccamonfina e prevede l’esposizione dei vini novelli selezionati dal NINVON (Nuovo Istituto nazionale del vino e dell’olio novello), e partecipanti al concorso nazionale Miglior novello d’Italia

“Siamo onorati di dare il nostro contributo alla valorizzazione del vino novello – ha dichiarato il responsabile organizzativo del NINVON nonché direttore del Salone-Concorso, il giornalista sommelier Tommaso Caporale – da un territorio che sta facendo dell’enogastronomia tipica un asset strategico per lo sviluppo dell’economia e del turismo, puntando su prodotti di qualità come la castagna Igp e i vini Igp e Dop. Inoltre – ha continuato Caporale – la nostra attenzione è stata attirata dalla presenza di un fermento produtttivo nel mondo enologico e soprattutto sul novello, sia a livello quantitativo che consapevole, unico in Italia ; tra Roccamonfina e dintorni sono numerosi i produttori di novello che continuano ad utilizzare esclusivamente la macerazione carbonica e a produrre il novello soprattutto per il mercato locale”.

La valutazione dei vini in concorso sarà affidata ad una giuria di esperti sommelier ed assaggiatori composta da Francesco Soleti, Pietro Iadicicco e Mario Ferraro, che degusterà alla cieca tutti i novelli selezionati, premiandone quelli con le maggiori qualità.

Alla cerimonia di premiazione, a cui prenderanno parte le autorità locali, regionali e nazionali, si illustreranno le criticità attuali attorno alle produzioni di vino novello con l’intervento di giornalisti e critici di settore.

Sarà allestito inoltre un percorso del gusto con la presenza di banchi assaggio dei vini novello suddivisi per aree geografiche (Nord, Centro e Sud), accompagnati da pietanze tipiche del territorio che rispecchiano l’identità regionale e locale e che si abbinano alle caratteristiche dei vini novello.

Durante la giornata saranno effettuati anche dei laboratori sensoriali sui vino novello e sull’olio extravergine di oliva novello per stimolare l’attenzione dei consumatori su questi prodotti e aumentarne la consapevolezza sulle proprietà organolettiche.

“Ormai il nome Roccamonfina, in Italia, viene abbinato alla famosa sagra della castagna Igp e del fungo porcino, e di questo ne vado fiero –  ha dichiarato il sindaco Carlo Montefusco –  ma Roccamonfina non è e non deve essere soltanto sagra. L’incantevole autunno roccano non può concludersi con la lunga sagra ma continuare con grandi eventi anche in novembre inoltrato. 

Quest’anno iniziamo ad abbinare il nome di Roccamonfina non solo a castagne e funghi, ma anche al vino novello, in una manifestazione di ribalta nazionale. Farà da palcoscenico – ha concluso Montefusco – una spettacolare natura autunnale, con i suoi colori, profumi ,odori . Un appuntamento da non perdere!”

L’obiettivo della manifestazione è quello di puntare  i riflettori delle istituzioni e dell’opinione pubblica soprattutto sulla produzione del vino novello, che negli ultimi anni ha subito un importante calo,  a causa della crescente diffusione di vini novello di scarsa qualità e a basso prezzo.

La mission del NINVON è innanzitutto quella della formazione e grazie all’evento in questione, si propone nello specifico di avanzare anche quest’anno una mozione all’attuale Governo nazionale affinché attui un intervento legislativo di modifica delle norme di produzione del vino novello (D.M. del 13.08.2021 all. 7), sollecitando l’innalzamento al 100% della percentuale, oggi al 40%, delle partite di vino vinificate con macerazione carbonica. Ciò riporterebbe il novello a riacquistare un meritato posizionamento sui mercati nazionali ed internazionali.

Print Friendly, PDF & Email
Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Comunicato Stampa

I comunicati stampa