Lun. Mag 25th, 2020

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Roccamonfina/Caserta. Morto il figlio di Nicodemo Petteruti, ex sindaco del capoluogo di Terra di Lavoro

2 min read
EVENTI IN EVIDENZA

A soli 38 anni ieri ha perso la vita Alessandro Petteruti, figlio dell’ex primo cittadino di Caserta Nicodemo Petteruti, originario di Roccamonfina.

L’uomo, chirurgo ortopedico presso la Clinica Humanitas Castelli di Bergamo, si trovava a Monaco di Baviera in Germania in compagnia di amici.

Si stava spostando in auto insieme ai suoi amici e colleghi quando è avvenuto il tragico evento. Il 38enne è morto sul colpo insieme ad un’altra persona a bordo dell’altro veicolo coinvolto nello schianto. Una terza persona è rimasta ferita. Sono ancora tutte da accertare le dinamiche dell’incidente mortale che ha scosso la comunità casertana che si è subito stretta intorno alla famiglia dell’ex primo cittadino. Famiglia che è originaria del comune di Roccamonfina nell’Alto casertano, dove alla notizia della tragedia in tanti hanno espresso cordoglio e vicinanza a Nicodemo Petteruti ad ai suoi cari. Un dolore immenso quello della perdita di un figlio che nessuna parola di conforto può lenire, forse solo il tempo…

Alessandro Petteruti

LEGGI ANCHE:

SOSTIENICI!
In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a V-news.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, di qualunque tipo possiate farlo, fondamentale per il nostro lavoro.
Siamo un progetto no-profit di comunicazione assolutamente innovativo in Italia e rimarremo sempre tali.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie, Thomas Scalera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Open

Close