Sab. Ago 24th, 2019

V-news.it

Quotidiano IN-formazione

Roccamonfina – Castagne, crollo della produzione. Di Pippo: “Economia in ginocchio”, Alma: “Stop ai pesticidi”

2 min read

Due dichiarazioni di calamità naturale negli ultimi anni (2012 e 2014) ed anche il 2016 sarà ricordato come annus horribilis per il settore castanicolo dell’intero vulcano di Roccamonfina con un crollo della produzione intorno al 90%. In alcune zone quasi un azzeramento. Di cinipide ed altre malattie del castagno si è discusso a Roccamonfina in un confronto con i massimi esperti nazionali del settore, promosso dall’associazione di castanicoltori locali “Verde Collina”, in collaborazione con l’amministrazione comunale e la Comunità Montana “Monte Santa Croce”. Ai lavori hanno partecipato , tra gli altri, il direttore della Scuola Agraria e Veterinaria dell’Università di Torino, Alberto Alma (entomologo di fama internazionale), il patologo vegetale Paolo Gonthier (Università di Torino), Antonio De Cristofaro, vice direttore del dipartimento dell’Università del Molise, e Rita Parrillo del Centro Frutticoltura di Caserta.

alma

Nel dettagliato ed appassionato intervento (seguito fino a tarda ora da centinaia di residenti ed agricoltori del territorio) il prof. Alma ha evidenziato come grazie alla lotta biologica l’emergenza cinipide sia ormai sotto controllo nelle regioni del Nord Italia, con castagneti che hanno ripreso vigore e si stanno avviando già da un paio di anni verso la piena produzione. “In Piemonte siamo partiti prima – ha sottolineato- e sono certo che nel giro di qualche anno arriveranno i risultati positivi anche per questo territorio. Bisogna solo avere pazienza ed aspettare il completamento del ciclo. Nel sopralluogo effettuato ho trovato diversi riscontri positivi anche per il futuro. Attenzione però all’uso dei pesticidi, perché potrebbero compromettere il lavoro effettuato ed allungare di conseguenza i tempi di ripresa”.

Franco Di Pippo

Durante l’incontro un forte appello alle amministrazioni locali è arrivato dal presidente dell’associazione “Verde Collina” , Franco Di Pippo: “Bisogna fare squadra ed intervenire al più presto con adeguati sostegni. Il settore è in ginocchio con danni per decine di milioni di euro”.

rotazione_flash

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbe interessarti

Open