• Mer. Ott 20th, 2021

Roccamonfina – L’odissea di un cittadino: infiltrazioni e rischio crolli. Il Comune non interviene da 10 anni. Il caso

Una vera e propria odissea quella che sta vivendo un cittadino di Roccamonfina. L’ennesima lotta tra Davide, in questo caso un cittadino comune, contro Golia, il gigante dell’inefficienza amministrativa che danneggia fortemente l’Italia. Il signor Antonio Di Gennaro da oltre un decennio attende risposte dall’Ente Comune di Roccamonfina in merito ad una serie di problematiche che interessano una sua proprietà sita nella frazione Filorsi del comune vulcanico. Il Di Gennaro anni fa acquisto un immobile nella zona vecchia della frazione. Dopo poco tempo a causa di gravi perdite di acqua dalla vicina fontana pubblica distrutta da una frana rovinosa, l’abitazione ha iniziato a presentare delle forti infiltrazioni che nel tempo hanno generato macchie d’umidità mettendo a rischio la stabilità di intere pareti dell’edificio. La situazione di degrado provocata dalle perdite della fontana è stata prontamente segnalata dal Di Gennaro sin dal 2004. Missive su missive inviate al Comune con le quali segnalava la necessità di mettere in sicurezza l’area per evitare danni non solo alla sua abitazione ma anche alle altre presenti in quella zona (in basso le foto delle raccomandate inviate e delle condizioni di degrado).

received_10208944687907531received_10208944688187538

received_10208944688147537received_10208944688027534

Molte abitazioni esistenti nel tratto vecchio della frazione Filorsi, una volta acquisite al patrimonio comunale, furono recuperate e restaurate. Ma alcune abitazioni si trovano ancora in uno stato di degrado assoluto. Una di queste infatti è adiacente l’abitazione del signor Di Gennaro e presenta alcune parti pericolanti. Anche in questo caso il cittadino ha segnalato tutto alle autorità competenti evidenziando anche il pessimo stato della strada comunale che attraversa gli immobili, strada ridotta ad una mulattiera. Nonostante le numerose segnalazioni alle amministrazioni via via susseguitesi negli anni il signor Di Gennaro sino ad oggi non ha ottenuto nessuna risposta.

received_10208944689267565received_10208944690427594

received_10208944689587573received_10208944689827579

“C’è un comignolo di un vecchio fabbricato fatiscente, adiacente ad un precedente fabbricato di proprietà del Comune che è stato abbattuto, che è pericolante – si sfoga amaramente Di GennaroQuando verranno ad eliminare il pericolo? Inoltre c’è il lavatoio che andrebbe sistemato perché è pericolante e l’acqua della sorgente fuoriesce dal canale e scorre sotto la mia proprietà arrecandomi seri danni. Che cosa aspettano ad intervenire?”. Di Gennaro ha già provveduto a tutelare i propri interessi ricorrendo alle vie legali e sottolinea come “Sono 10 anni che sottopongo il problema alle istituzioni locali ma non ottengo risposta. In merito al problema sono intervenuti anche gli esperti del’Ufficio Tecnico comunale e i Vigili del Fuoco di Teano con una relazione dell’ottobre 2011”. Davvero una situazione incresciosa che chiama in causa gli Enti preposti ad intervenire al più presto. Nessun cittadino deve essere abbandonato. Chi ha competenza deve assumersi le proprie responsabilità. Intanto Di Gennaro prosegue la sua personale battaglia contro l’inefficienza e la burocrazia.

rotazione_flash

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru