• Lun. Set 27th, 2021

Fondazione Amore, Montefusco convoca un consiglio comunale ad hoc. E’ ormai scontro totale tra l’amministrazione comunale ed il CDA della Fondazione “Nicola Amore per Roccamonfina” presieduta dalla Dott.ssa Emma Petrillo. Dopo le polemiche di questi giorni avviate da una serie di “post” della maggioranza consiliare sulla pagina Facebook de “La Primavera Roccana”, nei quali si mettono in discussione la trasparenza e la correttezza dell’operato della stessa, in particolare con riferimento alla drastica dimunizione dei fondi trasferiti dalla Fondazione al Comune, il primo cittadino Carlo Montefusco ha deciso di convocare per giovedì 10 novembre alle ore 18:30 un consiglio comunale nel quale si parlerà di un unico argomento: la Fondazione Amore appunto. L’esecutivo vorrebbe prendere dei provvedimenti in merito.

petrillo

Il CDA della Fondazione ha espresso tutto il suo disappunto per la decisione del primo cittadino. “La Fondazione ha operato ed opera nel pieno rispetto delle leggi e delle funzioni che le sono proprie – precisa la presidente della Fondazione Emma Petrillo. Prendiamo atto della decisione del sindaco ribadendo come la Fondazione ha sempre agito secondo le regole nel pieno rispetto delle istituzioni locali. Ho letto in questi giorni molte inesattezze ed attacchi violenti e gratuiti volti ad esacerbare gli animi. E’ uno stile che non ci appartiene. Circa il compotamento di componenti del CDA (il riferimento è al consigliere Franco Di Pippo, espressione della maggioranza consiliare del Comune in seno al CDA, protagonista di alcune diatribe all’interno dello stesso ndr) ci siamo dotati di un codice etico interno al quale, vista anche la delicatezza delle problematiche che siamo chiamati ad affrontare, tutti noi dobbiamo attenerci. Siamo sempre disponibili al dialogo consapevoli che la Fondazione ha un ruolo e delle prerogative che stiamo rispettando in pieno”.

montefusco

Non resta che attendere dunque il consiglio comunale per comprendere meglio la linea che sarà adottata dal Comune e quali nuovi rapporti saranno instaurati con il CDA della Fondazione. L’assise in programma giovedì 10 novembre ha l’aria di essere una vera e propria “resa dei conti” tra due istituzioni che dovrebbero cooperare nell’interesse generale della comunità e in questo caso dei soggetti e delle famiglie più deboli, anzichè dare luogo ad una “guerra di posizione” dietro la quale si celano interessi politici. Non è un mistero che l’attuale Consiglio di Amministrazione della Fondazione è espressione della precedente amministrazione Tari mentre il nuovo esecutivo vorrebbe avere maggiore voce in capitolo al suo interno.

rotazione_flash

Documento senza titolo

Sostieni V-news.it

Caro lettore, la redazione di V-news.it lavora per fornire notizie precise e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.

Thomas Scalera

Il Guru